La Stazione Ferroviaria di Trapani, un monumento dal 1880

L’inaugurazione della stazione di Trapani risale all’ormai lontano luglio del 1880, costruita nell’ambito del progetto di collegamento ferroviario “Ferrovia Sicula Occidentale” che aveva l’obiettivo di collegare le città e il capoluogo regionale Palermo. Questa venne realizzata nel centro urbano della città, diventando un luogo di transito, di arrivo e partenza, oltre che un luogo di incontro e punto di ritrovo per i cittadini.
In un primo tempo era stata aperta la tratta Palermo-Lolli fino a Partinico poi la linea Castellammare del Golfo fino a Castelvetrano, la tratta era di circa 194 chilometri risultando abbastanza disagevole da percorrere. Chi si doveva muovere da Trapani a Palermo, doveva percorrere tutto il lato sud dell’isola fino a Castelvetrano. Poi, finalmente si realizzò una nuova linea ferroviaria più diretta, verso nord. Una linea più breve, solo 125,17 km chiamata Via Milo, inaugurata solamente il 15 settembre 1937.
La stazione, e di conseguenza il treno, era l’unico mezzo di locomozione per viaggiare e veniva utilizzato da tanti pendolari, ma, data la lentezza dei mezzi, venne sempre meno frequentata, in compenso la visitavano le scolaresche ed in generale i turisti che facevano tappa a Trapani per visitare i monumenti della città.
L’edificio della stazione è abbastanza gradevole, nella facciata principale vi è un grande orologio che si trova in alto, sull’entrata lato ovest, quella che si affaccia nella Piazza Umberto I.

Francesco Catania

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito, come molti altri, fa uso di cookie. E' importante che tu lo sappia. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi