Palazzo Ciambra o della Giudecca

Palazzo Ciambra o della Giudecca
Del quartiere Casalicchio faceva parte il ghetto degli ebrei, sito nella via ancora oggi chiamata, della Giudecca.
La zona nel periodo antico corrispondeva alla parte più periferica del quartiere. A Trapani, i primi ebrei giunsero nel settanta dopo Cristo. Durante le varie dominazioni crebbero di numero e di fama, grazie soprattutto alla loro grande abilità nel commercio, nelle professioni e nelle arti. Ebbero propri insegnanti, medici e notai.
Intorno al 1485 gli ebrei si sistemarono nel ghetto di Via Giudecca ed utilizzarono come luogo di culto il palazzo della Giudecca o Palazzo Ciambra, che fu sede di una scuola superiore di studi talmudici. Il 2 gennaio 1492 Ferdinando “il Cattolico”, mentre Trapani era sotto il dominio degli spagnoli, promulgò un editto per l’espulsione degli Ebrei su tutti i territori spagnoli. Gli allievi della scuola si riunirono intorno al Rabbino espandendo sulla città la straziante voce del “sophar” (il tipico corno d’ariete) fino all’alba.

L’edificio venne edificato dalla famiglia dei banchieri Sala tra la fine del 1300 e l’ inizio del 1400. Attorno al 1500 il nobile Ciambra acquistò molte case nel quartiere e per ultimo il palazzo della Giudecca , che viene chiamato, appunto, palazzo Ciambra.
Esso ha un aspetto tra il privato e l’istituzionale, in quanto una parte era adibito a sinagoga; è in tipico stile plateresco, “le bugne diamantate” rivestono le pareti della torre, sulla facciata numerosi stemmi del casato Ciambra, sul portone un arco il cui profilo è costituito da due archi che intersecandosi formano un vertice alla sommità , il palazzo presenta ,inoltre, timidi elementi rinascimentali. All’interno dell’edificio è presente un ampio e lussureggiante giardino con tanto un pozzo.
Nel 1901 quando fu Sindaco Eugenio Scio, il palazzo venne acquistato dal Comune di Trapani, con fondi ministeriali, in quel periodo era Ministro il nostro concittadino Nunzio Nasi.
Durante i secoli ha subito numerose trasformazioni, oggi però ,purtroppo, qualche finestra e il portone d’ingresso sono murati.

Francesco Catania

Share This:

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito, come molti altri, fa uso di cookie. E' importante che tu lo sappia. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi