Trapani invasa da parcheggiatori abusivi

Chi ultimamente non ha parcheggiato in piazza Vittorio Emanuele, piazzale Ilio o in altre aree pubbliche della città e non è stato avvicinato da dei parcheggiatori abusivi? Senza contare tutti i disperati o finti tali che chiedono l’elemosina ai semafori.
Per chi proprio ancora non l’abbia vissuto parliamo di un fenomeno in costante espansione, le richieste di elargizioni di denaro connesse al parcheggio dell´auto vanno da “Mi puoi offrire un caffè?” fino ai 5 euro per i turisti che decidono di imbarcarsi per le isole. E se i ragazzi di colore sono i più numerosi, i più insistenti e pressanti sono i nostri concittadini che, segnalano le auto con un pezzo di carta in modo ricordarsi chi ha pagato e chi no. Se infatti provaste a dir loro di aver già pagati, questi, mettendosi dietro l’auto quasi a bloccarne l’uscita, chiameranno ai “colleghi” presenti in piazza per assicurarsi che non stiate mentendo. Chi scrive ha vissuto in prima persona la situazione.
Per motivi di tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica, oltre che per prevenire rischi e pericoli per la pubblica incolumità, tutte le aree pubbliche del territorio cittadino e delle frazioni ( ricordiamo ad esempio che l’ingresso nelle ore notturne all’area vicino al Lido Baia Tre Torri, a Marausa Lido, è sorvegliata da un paio di abusivi che chiedono 2 euro per il passaggio) dovrebbero essere utilizzate esclusivamente come luogo di fruizione nel rispetto delle regole comportamentali del vivere civile e di decoro urbano.
Alla luce dei fatti risulta essere sempre più necessaria l’emanazione, da parte del sindaco, di una apposita ordinanza che vieti l´accattonaggio in città e nelle frazioni.
“Non possiamo dare questa immagine della città ai turisti che circolano – spiegano i militanti dell´Associazione “progetto per Trapani” – ma che vengono quasi sempre circondati da improvvisati parcheggiatori abusivi, gente che il più delle volte vive di espedienti, ma anche da extracomunitari, laddove spesso in maniera insistente e fastidiosa, chiedono il “pizzo” per il parcheggio dell´auto.

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito, come molti altri, fa uso di cookie. E' importante che tu lo sappia. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi