Cessione quote Airgest: quale futuro per l’aeroporto di Birgi?

Birgi_Airport_(2)L’ex sindaco di Trapani, Girolamo Fazio, oggi onorevole, torna a parlare dell’annunciata cessione di quote azionarie Airgest da parte della Regione. Secondo Fazio, nonostante la cessione di quote a privati sia una strada già tracciata dalle norme europee, sarebbe ancora determinante il ruolo della mano pubblica in un settore strategico e suggerisce che il 20% delle azioni torni alla ex Provincia Regionale e che si persegua un tentativo di fusione con Gesap SpA in direzione di un polo aeroportuale della Sicilia Occidentale. Indicazioni contenute in una interrogazione sulla annunciata la cessione di quote azionarie Airgest da parte della Regione sulla base del decreto firmato da Rosario Crocetta che dispone il Piano di riordino delle aziende partecipate. Airgest, secondo la valutazione della Regione che ne è socio di maggioranza con il 59,68% delle azioni, non rientra tra le società strategiche nelle quali mantenere quote di partecipazione.

L’onorevole chiede «che la Regione Siciliana restituisca parte delle sue quote, fino ad un massimo del 20% del complessivo azionario Airgest S.p.A., al costituendo Libero Consorzio dei Comuni così consentendo ai comuni del territorio provinciale una legittima rappresentanza in seno alla società affinché gli enti locali consorziati possano salvaguardare l’operatività dello scalo, determinando, concordandola con i soci privati, una politica di marketing territoriale per sostenere il rilevantissimo flusso turistico che l’aeroporto di Trapani con i voli della compagnia low cost Ryanair incrementa da anni».
Inoltre Fazio suggerisce se non sia il caso «prima che vengano cedute le quote dell’Airgest… avviare un tentativo di fusione tra le società Airgest e Gesap per giungere ad una attività complementare e non concorrenziale tra i due scali aeroportuali».

Fazio ricorda come «grazie a ingenti investimenti per oltre venti anni da parte della ex Provincia Regionale di Trapani» oggi Birgi è il «terzo scalo per volumi di traffico della Sicilia… complementare con lo scalo di Palermo nell’offerta del trasporto aereo su un bacino di oltre 2 milioni di abitanti»; e grazie anche alla compagnia aerea Ryanair e agli accordi di comarketing «nell’ultimo dei quali, dopo la abolizione della Provincia Regionale di Trapani, sono coinvolti anche i comuni del territorio provinciale Trapanese».

Non manca nell’atto ispettivo una nota critica riguardo il manifesto scarso interesse della Regione che ha disertato nel luglio 2014 l’assemblea dei soci, e per ben due volte, nel settembre e nell’ottobre 2015, ha fatto saltare le sedute di insediamento del CdA e di nomina del presidente «non avendo addirittura individuato i propri rappresentanti in seno all’organismo societario».

Share This:

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito, come molti altri, fa uso di cookie. E' importante che tu lo sappia. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi