Furto in abitazione a Pantelleria: arrestati 3 cittadini extracomunitari. Saranno espulsi

collage arresti 1I carabinieri della Stazione di Pantelleria hanno arrestato B.W., 21enne, A.M., 26enne, B.M., 23enne, tutti e tre cittadini extracomunitari di nazionalità tunisina, accusati di un furto in un’abitazione.
Nella serata del 29 Gennaio scorso, il proprietario di un’abitazione sita in località Campobello ha chiamato i militari dell’Arma della locale Stazione per via di rumori sospetti provenienti dalla casa accanto. Immediatamente è stata inviata una pattuglia, che dopo aver preso contatti con il cittadino richiedente, si è diretta all’appartamento segnalato notando da subito che la porta d’ingresso era stata forzata. I militari giunti sul posto hanno notato tre soggetti fuggire in direzione dei terreni adiacenti, riuscendo dopo un breve inseguimento a intercettarne due. Dopo averli bloccati, i Carabinieri si sono suddivisi in due aliquote: la prima ha accompagnato  i fermati nella caserma di via Trieste e successivamente si è occupata dei rilievi tecnici e della ricostruzione della dinamica del furto; la seconda si è subito messa sulle tracce del fuggitivo.
I carabinieri della prima “squadra”, hanno accertato che “i tre soggetti, rompendo il vetro della porta d’ingresso, avevano forzato la serratura e messo a soqquadro l’intera casa, asportando tutti i soldi in contanti custoditi dal proprietario”.
I militari impegnati nelle ricerche, invece, sono riusciti a rintracciare il terzo soggetto che, sottoposto a perquisizione personale, aveva ancora con sé l’intera refurtiva. Accompagnato in caserma anche lui, nel frattempo è giunta anche la proprietaria dell’abitazione svaligiata, la quale ha sporto denuncia e si è vista riconsegnare i soldi rubati.
“I controlli effettuati sulle generalità dei tre fermati – si legge in una nota ufficiale –, inoltre, hanno consentito di appurare la loro irregolare presenza sul territorio italiano ed, accertato il reato commesso, sono stati tratti in arresto per furto in abitazione aggravato ed in concorso e vigilati in attesa di poter partire alla volta di Marsala ed essere sottoposti al rito direttissimo dinanzi al Tribunale lilybetano”.
Dopo l’udienza che si è tenuta nel primo pomeriggio di sabato scorso, gli arresti sono stati convalidati e il giudice ha disposto la misura cautelare del divieto di dimora a Pantelleria concedendo anche il nulla osta alla loro espulsione, motivo per cui sono stati accompagnati presso il C.I.E. di Caltanissetta in attesa di essere rimpatriati in Tunisia.

Share This:

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito, come molti altri, fa uso di cookie. E' importante che tu lo sappia. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi