Trapani ricorda le vittime civili della II Guerra Mondiale

Davanti a molti bambini delle scuole elementari e alla presenza delle più alte cariche civili e militari, è stato inaugurato a Trapani un monumento in memoria delle vittime civili della Seconda Guerra Mondiale. Con oltre 6 mila vittime, la città risultò tra le più bombardate in Italia, dati che nel 1961 portarono all’assegnazione della Medaglia d’oro al Valor Civile. La motivazione: “Oggetto di continui bombardamenti, resisteva impavida alla furia nemica, offrendo alla Patria l’olocausto di seimila dei suoi figli migliori. 1940 – 1945”. Ad aprire la cerimonia è stata una toccante esibizione della fanfara dei Bersaglieri di Trapani. Dopo l’alzabandiera, sono seguiti gli interventi delle autorità.
Per la realizzazione del monumento, pensato parecchi anni fa e originariamente affidato all’artista trapanese Cafiero, sono stati utilizzati due capitelli e le ultime due colonne esistenti del Teatro Garibaldi. I reperti del teatro, danneggiato dai bombardamenti e poi demolito per fare posto alla Banca d’Italia, erano prima custoditi nella villa Comunale Pepoli. Il monumento comprende anche un muro di conci di calcarenite, che ricorda gli edifici distrutti dalle incursioni aeree degli Alleati. La benedizione del complesso è stata fatta dal vicario generale della Diocesi di Trapani, don Alessandro Damiano.
La realizzazione del monumento è stata possibile grazie a un protocollo d’intesa siglato il 6 agosto scorso tra il prefetto Leopoldo Falco, in qualità di presidente del Comitato Commemorativo, e il sindaco di Trapani Vito Damiano.

Share This:

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito, come molti altri, fa uso di cookie. E' importante che tu lo sappia. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi