Salemi: arrestato 22enne accusato di rapina in abitazione

MOUSSA MoussaI carabinieri hanno arrestato un giovane di 22 anni, accusato di essere l’autore di una rapina in abitazione consumatasi a Salemi.
La notte del 18 maggio scorso, alle quattro del mattino circa, un soggetto parzialmente travisato è riuscito a entrare all’interno di un’abitazione sita a Salemi, in via Cremona, abitata solo da una donna di 81 anni. L’uomo, sotto la minaccia di un coltello, avrebbe aggredito l’anziana vittima, che nel frattempo si era svegliata. Con la lama le ha provocato delle ferite da taglio superficiali in varie parti del corpo, al busto e agli arti superiori, oltre alla frattura di un braccio. Subito dopo, il rapinatore si è dato alla fuga portando con sé oggetti di poco valore: un televisore, alcune pentole e qualche gioiello. La donna, ricoverata presso l’ospedale di Castelvetrano, è stata medicata e sottoposta successivamente a un intervento chirurgico per ridurre la frattura al braccio.
Immediate le attività di indagine della locale Stazione dei carabinieri e del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Mazara del Vallo, dirette e condotte dal Sostituto Procuratore della Procura della Repubblica di Marsala, Antonella Trainito. Le indagini hanno mosso i primi passi dall’acquisizione e visione di tutti i video degli impianti di telecamere della zona. In breve tempo è stato individuato un soggetto sospetto, poiché indossava una felpa con cappuccio, che si muoveva proprio nei dintorni dell’abitazione della malcapitata anziana. Le successive analisi del traffico tabulati telefonici della zona e del telefono rubato alla vittima, hanno permesso l’intercettazione telefonica del soggetto sospettato: Moussa Moussa, tunisino 22enne domiciliato a Salemi, regolare in Italia. Una volta raccolti i vari indizi a carico dell’uomo, compresa la volontà di allontanarsi dal nostro Paese per rientrare in Tunisia.
La mattina del 28 maggio, i militari dell’Arma, su decreto della Procura della Repubblica di Marsala, hanno effettuato una perquisizione presso l’abitazione dove domiciliava temporaneamente il Moussa: l’abitazione risultava vuota, ma l’uomo è stato rintracciato pochi minuti dopo presso un fondo agricolo, situato a Salemi in contrada Guarini, e condotto presso il proprio domicilio. Lì sarebbero stati rinvenuti, in parte inseriti all’interno di alcuni bagagli, gli oggetti sottratti all’anziana vittima della rapina. Visti i gravi indizi racoclti e considerato il pericolo di fuga, i carabinieri hanno sottoposto il giovane a fermo di indiziato per i reati di “rapina aggravata in abitazione” e “lesioni personali gravi”. Al termine delle operazioni di foto-segnalamento, l’uomo è stato tradotto presso la Casa Circondariale di Trapani.
Nella mattinata del 31 maggio, su richiesta dal Sostituto Procuratore Trainito, il Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Marsala ha convalidato il fermo di indiziato di delitto, emettendo la misura di custodia cautelare in carcere per l’arrestato.

Share This:

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito, come molti altri, fa uso di cookie. E' importante che tu lo sappia. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi