Trapani, visita del ministro della Pesca della Guinea Equatoriale

la-delegazione-della-guinea-equatoriale-ricevuta-dal-prefetto-di-trapani-insieme-ad-altre-autoritaSalas Chonco, vice ministro per la Pesca e l’Ambiente della Repubblica della Guinea Equatoriale, è stato per la prima volta in Italia, scegliendo per la sua prima visita la Sicilia e in particolare il territorio trapanese.
Il Ministro, accompagnato dall’Ambasciatore della Repubblica di Guinea Equatoriale a Roma, Cecilia Obono Ndong, dal Capo di Gabinetto del Ministero, Judit Nfomo Nchama, e dal responsabile della Segreteria dell’Ambasciatore, Esteban Obiang Avomo, ha iniziato la sua visita recandosi presso la Capitaneria di Porto di Mazara del Vallo dove il Comandante, Giuseppe Giovetti, ha mostrato i sistemi di sicurezza e di controllo della navigazione in dotazione alla Guardia Costiera. Il Ministro ha avanzato la possibilità di una cooperazione tecnica per far fronte alla pesca illegale, praticata da marinerie di altri Paesi, nelle acque di competenza della Guinea Equatoriale.

La Delegazione, sempre accompagnata dal Presidente Giovanni Tumbiolo, ha quindi visitato strutture tecniche del Distretto della Pesca e Crescita Blu, aziende della filiera ittica siciliana (dalla cantieristica alla commercializzazione del pescato): il cantiere Mecanav, l’azienda ittica Luciano Giacalone & C., la “Cefalù Imballaggi” e la Frigotecnica).
“La Guinea – ha spiegato il Ministro – ha 410 chilometri di costa ma non è dotata di strutture per l’attività della pesca. Pertanto, il nostro Presidente della Repubblica, Teodoro Obiang Nguema Mbasogo, ha voluto avviare lo sviluppo del settore della pesca e il Distretto della Pesca della Sicilia, grazie al Presidente Tumbiolo, rappresenta il nostro partner per la fornitura del know how per sviluppare un cluster della filiera ittica, compresa la produzione del tonno, l’acquacoltura e salicoltura, sia nella parte continentale della Guinea che in quella insulare (nelle isole di Malabo e Annobón). Sarà un investimento che porterà reciproci benefici grazie alla possibilità di formazione di giovani nel campo tecnico e scientifico”.

La Delegazione equatoguineana, dopo aver incontrato il Sindaco Gaspare Giacalone, ha visitato a Petrosino l’azienda ittica “L’Avannotteria”. Successivamente la delegazione si è spostata a Trapani dove ha visitato l’azienda produttrice di tonno “Nino Castiglione” ed è stata poi ricevuta dal Prefetto di Trapani, Giuseppe Priolo. All’incontro hanno partecipato: il Vescovo della Diocesi di Trapani, Pietro Maria Fragnelli, il Sindaco di Trapani, Vito Damiano, il Presidente della Camera di Commercio di Trapani, Giuseppe Pace, il Direttore provinciale di Coldiretti, Giuseppe Campione, e i rappresentanti provinciali delle forze dell’ordine.
La delegazione si è poi recata a Nubia, nel Comune di Paceco, per visitare gli impianti di salicultura ed il Museo del Sale. Il Ministro Chonco ha proposto la creazione di piccola fabbrica del sale in Guinea coinvolgendo le università dei rispettivi Paesi. La prima giornata, in Provincia di Trapani, si è conclusa a Marsala dove la Delegazione africana è stata ricevuta dal Sindaco, Alberto Di Girolamo.

La visita del Ministro e dell’Ambasciatrice si concluderà oggi a Palermo con la visita all’Istituto Zooprofilattico “Mirri” e ad altre aziende aderenti al Distretto pesca siciliano e con l’incontro con l’Assessore regionale all’Agricoltura e Sviluppo Rurale e Pesca Mediterranea, Antonello Cracolici.

Share This:

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito, come molti altri, fa uso di cookie. E' importante che tu lo sappia. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi