Operazione “Blackout”, eseguite 10 misure cautelari. Rubata anche l’opera dell’artista Montano

operazione-blackout-rame-gibellina-carabinieriLa notte scorsa, i carabinieri delle Stazioni di Gibellina e Salaparuta, coadiuvati dai colleghi del Comando Provinciale Carabinieri di Trapani, hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Tribunale di Sciacca su richiesta della locale Procura della Repubblica.
In tutto sono 10 gli indagati, tutti già noti alle forze dell’ordine, destinatari nello specifico di una custodia cautelare in carcere, un arresto domiciliare, cinque obblighi di dimora e tre obblighi di presentazione alla polizia giudiziaria. Tra i presunti colpevoli dei reati ci sono Alì Bouaziz, tunisino classe 1965, già ristretto presso la casa circondariale di Trapani per altri reati, al quale è stata applicata la custodia cautelare in carcere, e Gaetano Mancuso, 25enne gibellinese sottoposto agli arresti domiciliari.
L’attività rappresenta il coronamento di un’indagine condotta dai militari dell’Arma tra il marzo 2014 e il dicembre 2015, fatta di perquisizioni, pedinamenti e anche da intercettazione telefoniche.
I capi d’imputazione contestati sono principalmente riconducibili al furto di consistenti quantitativi di cavi elettrici con anima di rame – per complessivi 400 chili circa – destinati a essere rivenduti sul mercato nero.
L’indagine ha evidenziato una serie di preoccupanti furti ai danni di strutture sia pubbliche che private, o addirittura del sistema di illuminazione delle strade, con conseguenti blackout. Anche da quest’ultimo fattore è venuto fuori il nome da dare all’operazione.
Tra le strutture colpite figurano la Fondazione “Tenute Orestiadi” e la piscina comunale di Gibellina, la diga Delia/Garcia di Castelvetrano, il supermercato Despar di Partanna. Era stata persino rubata la scultura in bronzo realizzata da Piergiulio Montano, custodita presso il Palazzo di Lorenzo, a Gibellina, rinvenuta scomposta in varie parti dai Carabinieri delle Compagnie di Castelvetrano e Marsala.

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito, come molti altri, fa uso di cookie. E' importante che tu lo sappia. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi