Luigi Manuguerra lancia la sfida a Tranchida. “Concetta Montalto, la Evita Perón di Erice”

luigi-manuguerraLuigi Manuguerra lancia la sfida a Giacomo Tranchida per la corsa alle prossime elezioni amministrative ericine, nelle quali sostiene la candidata Concetta Montalto del movimento Nati Liberi. Dalle parole pronunciate nel corso di un comizio, il Comune di Erice appare come un territorio disastrato, in particolare i quartieri di San Giuliano e Villa Mokarta, con quest’ultima “abbandonata, non c’è luce, non c’è niente completamente, i pali stanno per cadere”. Una situazione, comunque, ben lontana dalla realtà, nonostante i problemi che possono esserci da quelle parti.
Manuguerra parla di persone ingannate e prese in giro, sfidando pubblicamente a un confronto televisivo il primo cittadino ericino, accusato di fare “chiacchiere e propaganda” e di saper solo “chiamare le persone pregiudicate”. “Però anche tu hai due condanne per diffamazione”, conclude.
Manuguerra ne ha anche per la candidata Daniela Toscano: “Inutile votarla, non ha personalità politica, è solo la controfigura del capo”.
Non viene risparmiato neppure Luigi Nacci (PSI), altro candidato sindaco a Erice, ironicamente definito “politico moderno”, in quanto “passato da tutti i partiti, dalla DC ai fascisti di Marrocco”.
E via, tutti nel calderone: “Cercano inciuci con i padroni del palazzo e con i pezzi di Forza Italia”.
La conclusione è una chicca: Manuguerra invita a votare la Montalto, potenziale Evita Perón di Erice. Questa volta non l’avrà sparata grossa?

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito, come molti altri, fa uso di cookie. E' importante che tu lo sappia. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi