Tagli ai consorzi universitari: l’associazione “V Ateneo” di Trapani non ci sta

polo_universitario_trapaniIl presidente dell’associazione “V Ateneo – Università del Mediterraneo” di Trapani, Orazio Mistretta, ha espresso il suo punto di vista riguardo al testo dell’assessore regionale all’Economia Alessandro Baccei presentato nell’ambito della finanziaria in discussione all’Ars sul tema dei Consorzi Universitari. La riforma prevede una drastica riduzione dei finanziamenti ai consorzi universitari decentrati presenti in Sicilia e un accentramento finanziario e amministrativo ai rettori delle tre università principali, Palermo, Catania e Messina, delle quali i Poli sono diramazione.

«Proprio poche settimane fa – ha dichiarato Mistretta – era stata annunciata nell’Aula Magna del Polo di Trapani dal Rettore di Palermo Fabrizio Micari, l’apertura di due nuovi Corsi di Laurea già a partire dal prossimo anno accademico: Architettura e Scienze Turistiche. Ciò si rivela una vera e propria contraddizione alla luce della recente riforma presentata all’Ars dall’assessore Alessandro Baccei. La situazione è davvero grave: non si può abbandonare alla deriva una parte del Paese e una generazione di possibili talenti. Già, con l’attuale assetto, il 35% degli universitari siciliani si iscrivono nelle Università del Nord, e ben 19 sono gli Atenei di Stato e/o accreditati, capillarizzati nel territorio della Regione Lombardia versus i soli 4 Atenei attualmente presenti in Sicilia. Nel giro di pochi anni gli effetti di queste scelte pericolose e miopi, sommate all’emigrazione intellettuale e alla denatalità, porteranno a un impoverimento se non a una vera e propria desertificazione culturale e ad un irreversibile e incolmabile divario socio-economico tra la nostra Sicilia ed il Nord Italia. Stiamo svendendo i nostri giovani, i nostri cervelli, giovani a cui abbiamo forse già tolto la speranza del futuro nella loro terra natale».

«Se non si investirà su sperimentazione, ricerca e innovazione tecnologica – ha concluso Mistretta –, nel contempo puntando a una capillarizzazione regionale della formazione universitaria attraverso un nuovo “Sistema Universitario Regionale Siciliano”, arriveremo presto a un punto di non ritorno. Per quanto evidenziato, decisamente in controtendenza, suggerisco e auspico con forza la realizzazione di un quinto Ateneo per la Sicilia a Trapani».
Mistretta, qualità di presidente dell’associazione V Ateneo, ha chiesto l’immediata rivalutazione di quanto paventato dall’Assessore Regionale all’Economia, insieme a un confronto intorno a un tavolo tecnico in rappresentanza dei cittadini e studenti del comprensorio di Trapani.

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito, come molti altri, fa uso di cookie. E' importante che tu lo sappia. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi