Trapani si ferma: è il giorno dei Misteri

La processione dei Misteri trapanesi, al via tra pochissime ore, rappresenta per la città un momento di aggregazione e di identità collettiva unico. L’evento, nel corso dei suoi quattrocento anni, pur modificando la componente esteriore, ha mantenuto intatto il profondo valore spirituale e culturale.
I cambiamenti, va sottolineato, per lo più di carattere “scenografico”, sono dovuti all’avvicendarsi dei diversi periodi storici. Un’evoluzione naturale insomma, andata di pari passo con i cambiamenti del contesto storico e sociale. I gruppi statuari, invece, sono sempre gli stessi, o per lo meno sono rimasti identici i sentimenti che incarnano e trasmettono. Non va dimenticato, infatti, che i bombardamenti del secondo conflitto mondiale distrussero o danneggiarono sensibilmente numerosi Misteri.
Con l’incedere del tempo molte cose mutano, scrivevamo, ma una cosa resta identica da secoli: la città intera si ferma per assaporare la magia della processione del Venerdì Santo.

11130170_1086246674735732_1741245468819832942_n

Immaginare Trapani senza la Processione dei Misteri è impossibile. Essa fa parte della vita, del costume, della fede e anche del folklore di tutti i cittadini.
La notte tra il Venerdì e il Sabato Santo, la tradizionale e monumentale “macchina” dei Misteri si prende un attimo di respiro, prima di snodarsi attraverso il dedalo del centro storico e portarsi verso la Chiesa del Purgatorio. I portatori sono seduti per terra, scalzi, con i piedi pieni di vesciche, ma soddisfatti di godersi i gruppi “schierati”. La folla, invece, rimane lì, con il suo vociare, con il suo insistente guardare i gruppi, ferma come fosse in posa. Allora si odono le voci dei semenzari, dei venditori di palloncini e dei più piccoli. In coda ai gruppi vi sono tante donne, giovani e meno giovani, tutte vestite di nero. Alcune stanno a contemplare e pregare l’immagine della Madonna Addolorata, che avvolta nel suo mantello nero, piange la morte de figlio sul Calvario.
La durezza della notte, cui spesso si aggiunge un pizzico di pioggia e vento, suscita ai più dei brividi di tristezza. Sono attimi che si ripetono da quattrocento anni e che sempre riescono a suscitare sentimenti di grande emozione.

La memoria storica dei Misteri è lontana e forse va ben più in là dei quattro secoli in cui di solito viene fissata. Probabilmente è la diretta discendente della Processione del Cerio di cui si conosce un documento datato 1499 e scritto da Ferdinando II il Cattolico di Sicilia, con il quale si invitava il viceré Don Giovanni De La Nuza a provvedere al da farsi per la Processione. La data in cui si trasformò in “Festa dei Misteri”, perché così veniva chiamata, è e rimane incerta.
11052399_1086252411401825_3671422380112864507_nLa Sacra Rappresentazione ha comunque il suo prologo dalle manifestazioni teatrali sacre che tra il ‘200 e il ‘300 venivano propinate in Francia e in Germania e a ogni fine crociata. La Processione, infatti, cominciò per emulazione, e sicuramente fu in Siviglia (Spagna) che essi ebbero il primo svolgimento. La correlazione con la lontana Trapani è spiegata dalla presenza spagnola in terra di Sicilia, appunto nel tredicesimo secolo. Ma alcuni storici, come il Cammareri vanno oltre.
Le relazioni commerciali che nel periodo si sono intrecciate tra Spagnoli e Genovesi, tra Genova e Palermo e quindi Trapani, fanno propendere che la tradizione possa essere stata inculcata alla popolazione attraverso questo scambio di tradizioni e cultura.
Lo spirito della manifestazione, infatti, si adatta allo stile spagnolo, che andava a passo quasi funebre nello svolgersi di un rito religioso divenuto popolare. Questo tipo di processione si diffuse così in varie parti della Sicilia, tra cui Marsala, Erice, Nicosia e Caltanissetta. In un primo momento si trattò di personaggi (vedasi la processione del giovedì Santo a Marsala), poi si passò alle “macchine”. Dalla passione animata si passò a quella inanimata. Si montarono così delle Statue su assi di legno che poi vennero chiamate “bare” o “vare”.

All’inizio del XVII secolo, forse nel 1612, cominciò quella tradizione di fede e folclore che è giunta fino ai nostri giorni. Le statue, infatti, uscirono dalle fiorenti botteghe artigiane della nostra città a partire proprio dai primi decenni del ‘600 fino al 1772, data in cui furono ultimati i gruppi della Spoliazione e della Sentenza.
11129897_1086242168069516_271962389325675098_nLa processione si snodava attraverso le vie del centro storico e originalmente le Statue erano solo diciotto. Solo alla fine del XVII secolo se ne aggiunsero altre due, l’Addolorata e l’Urna con Gesù morto. I Sacri Gruppi e la Processione erano affidati alle Maestranze, ovvero le associazioni Arti e Mestieri per conto dei quali i Misteri erano stati costruiti, ed erano custoditi nella chiesa di San Michele Arcangelo (sede dell’allora omonima Confraternita), distrutta dai bombardamenti bellici. Nel sito, oggi sorge l’attuale Istituto Tecnico Commerciale. Le Statue, realizzate con la tecnica della tela e colla, sono opera di artigiani e scultori abili che seppero dare a ogni gruppo una mirabile mimica dei gesti e una grande passionalità.
Tra essi ricordiamo Mario Ciotta, autore del primo gruppo, la “Spartenza”, e de “Lavanda dei piedi”; Baldassare Pisciotta, autore di “Gesù nell’orto”, la “Negazione” e “Gesù dinanzi a Erode”; Francesco Nolfo autore de “La caduta de Cedron”; Antonio Nolfo, autore de “La coronazione di Spine” e “La Deposizione”; Giuseppe Milanti, autore de “Ecce Homo” e “l’Addolorata”; Domenico Nolfo, autore de “La Sentenza”, “La Spoliazione” e la “Ferita al costato”; Giacomo Tartaglia, autore de “Il trasporto al Sepolcro”. A questi vanno aggiunti, Domenico Li Muli, Giuseppe Cafiero, Alberto Fodale e Vito Lombardo che ricostruirono e restaurarono alcuni gruppi distrutti dagli eventi bellici.
12038671_1187167981310267_7839942974305695095_oLa processione si snodò, fino alla sosta per la Seconda Guerra Mondiale, entro le mura della città. Riprese venerdì 19 Aprile del 1939 e si trascinò per l’intera giornata. Nel 1947 cambiò itinerario. Per la prima volta e non senza polemiche, uscì fuori dal centro storico per inoltrarsi nella via Fardella. Dopo la distruzione della chiesa di San Michele Arcangelo, i sacri Gruppi subirono una vera peregrinazione, cambiando di continuo sede. Furono prima ospiti della chiesa di San Giovanni, poi quella del Purgatorio, quindi a San Domenico e infine fecero ritorno alla Chiesa delle Anime del Purgatorio, da dove anche quest’anno usciranno.

Anche quest’anno, come tradizione, la Processione la apriranno gli “incappucciati” della Confraternita di San Michele (da qualche anno senza cappuccio per ordinanza vescovile), seguiti dai venti gruppi che sfileranno al suono delle marce funebri, introdotte all’inizio dell’’800. Lo spettacolo sarà grandioso, un tutt’uno con la folla, che si contende con gli occhi un piccolo spazio di fede.

Foto Carmelo Corso

Share This:

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito, come molti altri, fa uso di cookie. E' importante che tu lo sappia. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi