La Guardia di Finanza di Marsala ferma due tunisini: “Scafisti di Professione” | VIDEO

presunti scafisti marsala guardia di finanzaLa Compagnia della Guardia di Finanza di Marsala nei giorni scorsi ha fermato due cittadini tunisini, accusati di essere “scafisti” dediti al traffico di migranti ed al contrabbando di sigarette.
Il provvedimento di fermo è stato emanato dalla Procura della Repubblica lilibetana all’esito di indagini scaturite da uno sbarco di immigrati clandestini intercettato lo scorso febbraio sulle coste di Capo Granitola, con l’ausilio dei mezzi aerei e navali del Gruppo Aeronavale di Messina e della Sezione Operativa Navale di Mazara.
A sbarco avvenuto, erano stati fermati otto immigrati clandestini, mentre cercavano di nascondersi tra i canneti attigui la spiaggia dove era attraccato il gommone, a bordo del quale erano stati anche rinvenuti ben 320 chili di sigarette di contrabbando.

I successivi sviluppi investigativi – importanti sono state anche le informazioni prese dai clandestini fermati –, hanno consentito di ricostruire le modalità del viaggio: circa 7 ore per attraversare il Canale di Sicilia, dalle coste tunisine per approdare su quelle siciliane, ammassati a bordo di un gommone equipaggiato con due motori potentissimi, sotto la costante minaccia di armi e violenza da parte degli organizzatori.
Sulla base degli elementi acquisiti, le Fiamme gialle hanno individuato, mediante riconoscimento fotografico, i due presunti “scafisti”, i quali sono stati poi condotti in carcere. Si tratta di Z.N. e B.M., rispettivamente di 30 e 27 anni, entrambi di origini tunisine, regolarmente domiciliati sul territorio nazionale, il primo a Marsala, mentre l’altro risulta residente a Cesena. Nei loro confronti, la Procura della Repubblica di Marsala ha emesso il provvedimento di fermo di indiziato di delitto.

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito, come molti altri, fa uso di cookie. E' importante che tu lo sappia. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi