Le Isole Egadi tra le 20 meraviglie sommerse

Le Isole Egadi rientrano nella lista delle 20 meraviglie sommerse stilata dal Corriere della Sera. Nell’articolo, a firma del giornalista Fancesco Tortora, sono citati esempi di archeologia subacquea come la città egizia sommersa di Heracleion e Shi Cheng, detta la “città dei leoni”, insieme a bellezze naturali come la Grande barriera corallina dell’Australia, le sorgenti calde dell’Islanda e i camini idrotermali dell’Ecuador.
L’arcipelago egadino viene chiamato in causa per i “tesori” custoditi dal suo mare. “Sui fondali marini a largo delle isole Egadi, in Sicilia – si legge nella slide dedicata –, giacciono i resti delle navi naufragate durante la battaglia marina tra la flotta romana e quella punica il 10 marzo del 241 a.C”.
Anfore, suppellettili, elmi, ma soprattutto meravigliosi e ben conservati rostri, che negli anni sono stati recuperati, restaurati e messi in mostra. Tra l’altro, proprio il mese scorso, la Soprintendenza del Mare della Regione Siciliana, guidata da Sebastiano Tusa, e la GUE – Global Underwater Explorer – hanno recuperato il dodicesimo rostro, nell’area già oggetto dei ritrovamenti precedenti (da parte della stessa Soprintendenza e della Rpm Nautical Foundation).
Chi volesse farsi un’idea delle bellezze recuperate nel mare delle Egadi potrà recarsi presso l’ex Stabilimento Florio di Favignana, oggi adibito a moderno ed efficiente polo museale. All’interno, oltre ai reperti archeologici e a quelli della tonnara, è possibile visitare la sala dedicata alla Battaglia delle Egadi.

Marco Amico

Share This:

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito, come molti altri, fa uso di cookie. E' importante che tu lo sappia. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi