Favignana, adottato dopo 35 anni il piano regolatore

favignana (43)Favignana ha, finalmente il suo piano regolatore generale. “Dopo circa trentacinque anni di attese, dovute a lentezze burocratiche e a un iter particolarmente travagliato – dichiara il sindaco delle Egadi Giuseppe Pagoto –  il nostro territorio conquista un grande risultato, fortemente perseguito e raggiunto da questa Amministrazione. Il Commissario ad acta, architetto Donatello Messina, infatti, sostituendosi al Consiglio Comunale, ha adottato, il Piano Regolatore Generale che, come è noto, è lo strumento urbanistico principale che fissa le direttive generali di sistemazione del territorio di un Comune e, per questo, uno degli atti più delicati e importanti per le amministrazioni comunali. Un’adozione che era un bisogno primario del nostro territorio e un obiettivo fondamentale dell’Amministrazione che mi onoro di guidare. Adesso ci sarà la fase delle osservazioni e di tutto quanto previsto per arrivare all’approvazione finale dello strumento”.

La storia del PRG delle Egadi inizia negli anni 70/80. Dal 2008 con l’amministrazione guidata dal sindaco Lucio Antinoro si riavvia tutto il percorso che con la nuova Amministrazione Pagoto si perfeziona. Il sindaco e l’assessore al ramo, Lorenzo Ceraulo anche con il supporto e l’indirizzo continuo del Consiglio Comunale, sono stati costantemente vigili sul percorso dello studio di Piano che stavano redigendo i progettisti in passato incaricati, sollecitando settimanalmente la consegna degli elaborati, avvenuta il 18 dicembre 2014, e fino al rilascio del parere del Genio Civile di Trapani, il 12 giugno 2017, nonché del Rapporto ambientale definitivo, trasmesso dal professionista incaricato al Comune e al Commissario ad acta il 25 luglio scorso.

L’assessore Lorenzo Ceraulo, esprime, la propria soddisfazione: “Sono particolarmente contento del risultato raggiunto, frutto dell’impegno di tutti: dell’Ufficio tecnico comunale coordinato dall’ingegnere Pietro Vella prima, e poi dall’architetto Salvatore Guastella”.

Share This:

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *