Pubblicate le procedure per stabilizzare i precari dell’Azienda sanitaria

1460995765-0-trapani-all-ospedale-sant-antonio-abate-una-nuova-tecnica-per-il-blocco-delle-emorragieL’Azienda sanitaria provinciale di Trapani ha emanato l’avviso pubblico per procedere alla ricognizione del personale precario in possesso dei requisiti di cui all’art. 20, commi 1 e 2, del decreto legislativo n. 75 del 2017, avente titolo a partecipare alle procedure riservate per la stabilizzazione che saranno attivate secondo le disposizioni assessoriali e il Piano triennale del fabbisogno del personale. Questo in applicazione della circolare dell’Assessorato della Salute della Regione Siciliana del 23 gennaio scorso “per superare il precariato e valorizzare l’esperienza professionale maturata, con la possibilità di assumere a tempo indeterminato personale, dirigenziale e nonin possesso dei requisiti richiesti. Queste procedure di stabilizzazione devono svolgersi a condizione che ci sia coerenza con il Piano triennale dei fabbisogni e con l’indicazione della relativa copertura finanziaria.

 Per avviare la procedura di ricognizione del personale potenzialmente interessato a questi processi di stabilizzazione questi potrà inoltrare apposita domanda, compilando il previsto modulo, dichiarando il possesso dei requisiti previsti, maturati alla data del 31 dicembre 2017. La domanda dovrà essere presentata entro il 5 febbraio prossimo.

“Abbiamo subito emanato l’avviso – spiega il commissario dell’Asp Giovanni Bavetta – perché sappiamo quanto sia attesa dal personale precario questa stabilizzazione. In questi anni è stato grazie a questo personale, sia quello sanitario come medici ed infermieri, che tecnico professionale, che la sanità trapanese non si è fermata e ha potuto far fronte ai vuoti di organico di chi nel frattempo è andato in pensione. Procederemo quindi con l’incontro con le parti sindacali, poi daremo esito della ricognizione, e quindi, avvieremo le procedure di stabilizzazione, in coerenza con il Piano aziendale dei fabbisogni. I due diversi percorsi prevedono nel primo casi l’assunzione diretta a tempo indeterminato, mentre nel secondo caso delle procedure concorsuali riservate, in misura non superiore al cinquanta per cento dei posti disponibili”.

Share This:

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito, come molti altri, fa uso di cookie. E' importante che tu lo sappia. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi