Scossone politico a Valderice. Si dimette la vice presidente del Consiglio

municipio-valdericeNeanche il tempo di essere eletta che ha già presentato le proprie dimissioni. Marika Oddo, che aveva assunto la carica di vicepresidente del consiglio comunale di Valderice all’inizio della settimana, non ci sta ad essere strumentalizzata e lo scrive chiaramente nella sua lettera di dimissioni.

“Esprimo gratitudine ai consiglieri che mi hanno votato – scrive Oddo – tuttavia non accetto il metodo adottato, poiché non intendo prestarmi a strumentalizzazioni politiche che hanno il sapore di un tentativo di condizionamento del mio percorso politico appena iniziato”.

Non si sono fatte attendere le dichiarazioni del capogruppo consiliare della “lista Dinamica” Giovanni Coppola. “Le dimissioni della consigliera Marika Oddo dalla carica di Vice Presidente del Consiglio Comunale di Valderice – scrive Coppola che nelle scorse amministrative era candidato alla carica di sindaco – sono una lezione di dignità per coloro che pensano che la politica sia una gara per arrampicatori sociali, che impegnati nella frenetica corsa all’ennesimo traguardo, non si fanno scrupolo di abbandonare lungo il proprio percorso i sani valori della lealtà, della correttezza, della coerenza. La scelta di Marika Oddo merita tutto il nostro rispetto. Ha dimostrato che il suo impegno politico è genuino ed è orientato esclusivamente al servizio che può rendere ai propri cittadini, e per fare ciò non necessita di cariche istituzionali, che tra l’altro non ha richiesto. Quando la maggioranza politica vuole riconoscere la Vice–Presidenza del Consiglio Comunale all’opposizione, è buona prassi, nonché rispetto politico, chiedere a quest’ultima l’indicazione di un nome su cui far convergere i propri voti. Per questo motivo l’elezione di Marika Oddo a Vice-Presidente, all’insaputa della stessa e del suo gruppo consiliare, appare come un misero, maldestro – e di conseguenza fallito – tentativo di mettere in imbarazzo il gruppo consiliare della Lista “Dinamica”. Tale infelice mossa – continua Coppola –  si configura come una mancanza di rispetto istituzionale nei confronti del nostro gruppo consiliare, ma soprattutto nei confronti di Marika Oddo che ha visto la sua persona strumentalizzata in un gioco di stantii magheggi politici che al paese non servono. A Valderice tutti sanno che l’elezione a Presidente del Consiglio di Alessandro Pagoto, è frutto di un accordo politico interno alla maggioranza che prevede la spartizione (due anni e mezzo ciascuno) di questo importante incarico, tra lo stesso Pagoto ed il consigliere Parrinello. È evidente che l’aver programmato la durata della Presidenza del Consiglio, trasforma la stessa da Istituzione garante di tutti in un volubile tassello su cui la maggioranza basa i propri equilibri e di conseguenza non può ricevere l’avallo politico del gruppo consiliare di opposizione”.

Share This:

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito, come molti altri, fa uso di cookie. E' importante che tu lo sappia. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi