Pd: Famiglie arcobaleno a Trapani

È ormai noto a tutti che il Partito Democratico deve, e sta trovando una nuova dimensione a livello nazionale. Ma è doveroso ricordare quanto è stato fatto dall’ultimo Governo soprattutto in materia di diritti civili.
Divorzio breve, legge sulle Unioni Civili, norma sul Femminicidio, e la legge c.d. “Dopo di noi” -che introduce misure di assistenza, cura e protezione in favore delle persone con “disabilità grave” prive di sostegno familiare-, sono traguardi raggiunti.
Finalmente in Italia si é alzata l’asticella della discussione, dopo tanti anni di silenzio.
Pur senza raggiungere l’obiettivo, si è discusso di Ius Soli e stepchild adopition, mettendo al centro del dibattito chi deve starci: il fanciullo.
Tutto questo ha portato sempre più amministrazioni ed amministratori a sensibilizzare e sensibilizzarsi sulle questioni, senza necessariamente attendere il legislatore.
É con questo spirito che il Partito Democratico di Trapani, anche alla luce della vicenda che sta coinvolgendo la prima famiglia arcobaleno trapanese, chiede a tutti i rappresentanti nelle istituzioni – iscritti, simpatizzanti e non solo- di non lasciare sola ed in balia di un presunto vuoto normativo una FAMIGLIA. Di tentare, con gli strumenti propri al ruolo ricoperto di dare dignità e parità di diritti a due fanciulli e ai loro due papà, così come altre amministrazioni hanno fatto.  Uguali sono i figli, uguali sono i genitori, uguali sono le famiglie.

Francesco Brillante
Segretario PD a Trapani

Share This:

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito, come molti altri, fa uso di cookie. E' importante che tu lo sappia. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi