Salemi, dal 17 al 24 marzo torna la festa di San Giuseppe Venuti: “Una buona occasione per scoprire la nostra città”

Musica, libri e reading, ma anche degustazioni, laboratori e, soprattutto, le tradizionali ‘cene’ con i pani artistici. Torna a Salemi la Festa di San Giuseppe, in programma nella cittadina trapanese dal 17 al 24 marzo. Otto, tra cene e altari, i punti in cui sarà possibile ammirare i famosi pani lavorati. In piazza Alicia, nell’abside dell’ex chiesa madre, la ‘cena’ a cura dell’amministrazione comunale e dell’associazione Nuova Sicilia Bedda.domenico venuti

La Festa di San Giuseppe – organizzata dall’amministrazione comunale di Salemi, guidata dal sindaco Domenico Venuti, con il patrocinio degli assessorati al Turismo e ai Beni culturali della Regione Siciliana – quest’anno terrà a battesimo l’Ecomuseo del grano e del pane che troverà posto all’interno del Palazzo dei Musei, nell’ex collegio dei Gesuiti. L’inaugurazione è fissata per domenica 17 marzo, alle 16.30. “Da qualche anno, ormai, la Festa di San Giuseppe vive un momento felice, fatto di una notorietà ormai consolidata – afferma il sindaco di Salemi -. Abbiamo portato a termine la fase di rilancio della Festa ma continuiamo a lavorare per migliorare ogni anno l’accoglienza e l’offerta culturale per i visitatori. La Festa di San Giuseppe – conclude Venuti – è una buona occasione per scoprire le bellezze di Salemi e chi, invece, già conosce la nostra città, può trovare tanti spunti per tornare a farci visita”.
Per il 19, il 23 e il 24 marzo, giorni clou della Festa, è stato istituito un servizio di bus-navetta da piazza Vittime di Nassiriya a piazza Libertà. Nel corso della settimana che va dal 17 al 24 spazio ai laboratori sul pane e al confronto sulle tradizioni di San Giuseppe in Puglia e in Sicilia: previsto un gemellaggio tra la cittadina di Lizzano e Salemi, a cura dell’Unione nazionale delle Pro Loco d’Italia, sabato 23 marzo presso l’auditorium San Giovanni. Il programma, Festa San Giuseppemesso a punto dall’assessorato al Turismo, guidato da Vito Scalisi, prevede inoltre per il 17 marzo, a partire dalle 8.30, ‘San Giuseppe in 500’, raduno di auto a cura degli ‘Amici della 500’ e della Pro Loco di Salemi, e a seguire l’apertura dei Mercatini di primavera all’interno del chiostro di Sant’Agostino.
Il 19 marzo, in piazza Alicia, la tradizionale ‘Pasta con la mollica’ e le 101 pietanze di San Giuseppe a cura dell’associazione Ristoratori aliciensi, accompagnati dalla banda musicale Vincenzo Bellini-Città di Salemi. Un pranzo dei santi sarà previsto anche nella chiesa di San Bartolomeo, in largo IV novembre, a cura dell’amministrazione comunale e dell’Associazione culturale Pusillesi. Domenica 24 marzo si aprirà con il Raduno dei pani in mountain bike, giunto quest’anno alla terza edizione, a cura dell’Asd_Mtb/Salemi.
La settimana di San Giuseppe sarà caratterizzata anche dalla musica, con le esibizioni del Gruppo folkloristico Sicilia Bedda e della Sud street band nel centro storico, mentre domenica 24 l’atrio dell’ex collegio dei gesuiti ospiterà un concerto etnofolk con Massimo La Guardia e la Compagnia di canto popolare antichi suoni. Spazio anche ai libri, con la presentazione il 22 marzo, alle 18, presso l’auditorium San Giovanni de ‘L’estate del ’78’, di Roberto Alajmo. La Festa avrà poi una ulteriore coda lunedì 25 con il ‘Reading tra i poeti ellenici al Centro per il cinema indipendente Kim, con l’attore e musicista Moni Ovadia.

Share This:

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito, come molti altri, fa uso di cookie. E' importante che tu lo sappia. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi