CODICI: somme non dovute in bolletta – Annullate fatture TIM

Nel luglio del 2018 aveva inviato disdetta a Tim e consegnato il modem alla stessa compagnia. Tuttavia TIM ha continuato a fatturare fino ad gennaio 2019 il costo del servizio internet wi fi. Il sig. D.A. trapanese di 74 anni, socio all’associazione di consumatori CODICI, tramite la stessa inviava dapprima una diffida/reclamo a TIM e successivamente, non avendo ricevuto risposta, avanzava istanza di conciliazione con TIM SPA.

In sede di conciliazione, tramite la piattaforma Conciliaweb dell’Autorità Garante per le Telecomunicazioni (AGCOM), TIM ha quindi annullato tutte le fatture emesse indebitamente a carico del sig. D.B.
Per un’altro caso invece, altro utente sempre tramite CODICI, ha ottenuto l’annullamento di fatture emesse da Vodafone per circa 450 euro. Dinanzi al mediatore sono stati dimostrati disservizi sulla linea telefonica con disconnessione e assenza di segnale.
“Sempre più consumatori ricevono dalle compagnie telefoniche fatture con voci per servizi non dovuti, seppur di piccoli importi, che poi con il tempo possono diventare più rilevanti, spiega Ivana Saladino, Responsabile dello Sportello Codici di Trapani. Frequenti invece i casi di interruzioni sulla linea. Per i contenziosi con operatori telefonici è obbligatorio avanzare preventivamente istanza tramite il servizio di AGCOM  per il tentativo di conciliazione e, successivamente, in caso di esito negativo, il cittadino può citare in giudizio dinanzi ai Giudici di Pace o Tribunali la Compagnia telefonica.

Share This:

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito, come molti altri, fa uso di cookie. E' importante che tu lo sappia. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi