IL SALUTO ALLA BRIGATA “AOSTA” IN PARTENZA PER LE MISSIONI IN LIBANO, IN KOSOVO, IN SOMALIA E GIBUTI

L’ARCIVESCOVO MILITARE SANTO MARCIANÒ BENEDICE I SOLDATI DELL’AOSTA

Una compagnia del 6° Reggimento Bersaglieri parte per la European Union Training Mission in Somalia.

Si è svolta venerdì 12 aprile scorso, nella piazza d’armi della caserma “Crisafulli Zuccarello” di Messina, la cerimonia di saluto della brigata Aosta, in vista del prossimo impiego nei Teatri Operativi libanese, kosovaro, somalo e a Gibuti.

Con questa cerimonia, alla presenza del generale di divisione Fabio Polli, comandante della divisione “Acqui” da cui l’Aosta dipende, i militari del Comando brigata, del reggimento “Lancieri di Aosta” (6°) di Palermo, del reggimento Logistico “Aosta”, del 4° reggimento Genio Guastatori di Palermo, unitamente ad aliquote del 5° reggimento fanteria Aosta di Messina e del 62° reggimento fanteria Sicilia di Catania, concludono un lungo ed intenso periodo di addestramento, finalizzato all’impiego nel settore operativo a sud-ovest del Libano. Il saluto è stato inoltre rivolto ad una compagnia del 6° reggimento bersaglieri di Trapani in partenza per la European Union Training Mission in Somalia.I generali Polli e Pisciotta passano in rassegna lo schieramento

Nel suo discorso, il generale Pisciotta, comandante della brigata Aosta, ha parlato “di grande impegno e dell’opportunità di essere fra quei soldati che hanno il privilegio di rappresentare l’Italia nel contesto internazionale”, rivolgendo un sentito pensiero a coloro che, nel passato, hanno sacrificato la propria vita per la Patria, partendo dalla Sicilia per tutte le parti del mondo nelle quali il Paese ha chiamato ad operare. Inoltre, ha ringraziato enti, associazioni e organizzazioni che con cospicue donazioni di beni, capi di abbigliamento, strumenti ed ausili didattici, apparecchiature mediche e sanitarie, giocattoli, permetteranno di offrire un prezioso contributo per il sostegno alla popolazione libanese. Tra questi, in provincia di Trapani, il Consorzio Siciliano di Riabilitazione (C.S.R.) Sicilia rappresentato dal Dott. Antonino Piccione e l’Associazione Progetto per il Dopo di Noi, rappresentato dal Presidente Antonino Nocitra nei giorni precedenti la cerimonia, hanno incontrato il comandante del 6° Reggimento Bersaglieri, Colonnello Massimo Di Pietro, per consegnare il materiale che sarà inviato in Libano a suggello della sensibilità che i fanti piumati trapanesi sinergicamente dimostrano con il costante impegno sociale.

il colonnello Massimo Di Pietro con il Dott. Antonino Piccione del CSR SiciliaContestualmente, nel corso della stessa cerimonia, è stato salutato il 24° reggimento Artiglieria “Peloritani” di Messina, che a breve lascerà il territorio nazionale per assumere la guida della missione “Joint Enterprise” in Kosovo, fornendo anche un’aliquota di uomini per la sicurezza della Base Militare Italiana di Supporto a Gibuti.

Una particolare benedizione è giunta dall’Ordinario Militare per l’Italia, Mons. Santo Marcianò, che nei giorni scorsi ha fatto visita agli uomini e alle donne della brigata in procinto di partire per l’estero.

“Non mollate, non mollate, non mollate!, l’Italia è una cosa seria, la persona è una cosa seria. Voi difendete la persona umana e per questo vi ringrazio. Per l’Italia siete un riferimento di quello che è andato perduto, per via della distrazione che la cultura di oggi porta. Tenete alla coesione. L’unità dei soldati fa miracoli, perché credete nei valori: siete custodi dei valori, perché non avete limiti nel credere nell’uomo”. Questo l’augurio e lo sprone di Sua Eccellenza Marcianò che si è soffermato con ognuno dei militari in partenza, esprimendo vicinanza alle famiglie.

Share This:

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito, come molti altri, fa uso di cookie. E' importante che tu lo sappia. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi