CALATAFIMI-SEGESTA: I CARABINIERI ARRESTANO INCENSURATO PER POSSESSO DI UNA LUPARA ARMATA CON MATRICOLA ABRASA

Nella notte tra venerdì 7 e sabato 8 giugno  una pattuglia della Stazione Carabinieri di Calatafimi Segesta, comandata dal Maresciallo DE ROSA, trovandosi a transitare in contrada Gorga, notava un automobilista fermo a bordo strada che, alla guida di una Hyundai, era andato ad impattare autonomamente contro un terrapieno presente a bordo strada, distruggendo la parte anteriore del proprio veicolo.

I militari, notando la scena, si fermavano per verificare le condizioni di salute del conducente e della propria compagna, che gli sedeva a fianco, riscontrando l’assenza di feriti ma soli danni alle cose.

Nel corso delle operazioni di ausilio e soccorso, i militari si insospettivano per l’atteggiamento eccessivamente nervoso – oltre il comprensibile stato di agitazione derivante dall’aver appena avuto un incidente – del conducente, identificato in BATTAGLIA Girolamo, domiciliato a Calatafimi Segesta nei pressi del luogo del sinistro stradale, e decidevano pertanto di procedere ad una perquisizione personale e veicolare, ma ottenendo esito negativo.

I militari operanti tuttavia non convinti dell’esito delle due perquisizioni, decidevano di portarsi ugualmente presso l’abitazione del BATTAGLIA per approfondire il controllo, stavolta domiciliare. Solo a questo punto si riusciva a evidenziare che l’istinto dei militari, fondato sul mero sospetto, non sbagliava. Nella camera da letto infatti, ben occultata sotto il letto, i Carabinieri trovavano un fucile a canne mozze del tipo “lupara” con matricola abrasa e due colpi già in canna, pertanto già pronta a sparare.

Constatato il rinvenimento della pericolosa arma da fuoco perfettamente funzionante, i militari traevano in arresto BATTAGLIA Girolamo, pensionato incensurato classe ’42, per detenzione di arma clandestina (art. 23 L. 110/75).

Dopo il foto-segnalamento effettuato negli uffici della Compagnia Carabinieri di Alcamo e d’intesa con l’Autorità Giudiziaria trapanese, i Carabinieri provvedevano ad accompagnare in stato di arresto il BATTAGLIA presso il carcere di Trapani, ove permarrà quantomeno fino alla convalida dell’arresto.

Share This:

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito, come molti altri, fa uso di cookie. E' importante che tu lo sappia. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi