Il malato immaginario di Molière realizzata in collaborazione con gli studenti del Liceo Scientifico “V. Fardella” e del Liceo Classico “L. Ximenes” di Trapani

La stagione del Luglio Musicale Trapanese continua con la celebre commedia Il malato immaginario di Molière realizzata in collaborazione con gli studenti del Liceo Scientifico “V. Fardella” e del Liceo Classico “L. Ximenes” di Trapani, che andrà in scena domenica 30 novembre, alle ore 18.00, al Teatro “M° Tonino Pardo” di Trapani.

Il teatro e la scuola insieme per un progetto che mette i giovani al centro dell’attenzione; l’obiettivo è quello di avvicinare i ragazzi del liceo a delle modalità espressive che appartengono all’arte teatrale, a vivere e conoscere un altro modo di esplorare ciò che già hanno sperimentato nella vita o hanno studiato sui libri di scuola.
Un laboratorio di formazione teatrale finanziato attraverso i fondi del “Pon 2014 -2020 – Competenza per l’alternanza”, un’esperienza importante, un modo totalmente nuovo di vivere la relazione di gruppo e scoprire aspetti sorprendenti, relativi alla conoscenza di sé stessi in rapporto ai propri compagni.
Ultima delle commedie scritte da Molière, Il malato immaginario è tra le più rappresentate in Italia e all’estero. Il malato immaginario induce lo spettatore, pur nell’atmosfera comica, a riflettere intorno ai rapporti tra medici e pazienti nel mondo reale. È vero che Argante rimane un malato immaginario, vive nel suo personale mondo di finzione. La sua vera malattia è la paura di vivere, di rimanere solo.  La satira che viene messa in scena sottopone un’intera professione al giudizio critico, al riso del pubblico. In questa edizione vi è una freschezza interpretativa dei suoi giovani attori, il cui filo rosso punta su due elementi: il comico e la satira sociale.
Un cast composto da tredici giovani, ecco i loro nomi e i personaggi che interpretano: Federico Musacco (Argante), Melissa Pampalone (Angelica), Giulia Russo (Tonietta), Chiara Di Sarno (Belinda), Davide Doria(Cleante), Serena De Gregorio (Beralda), Riccardo Allotta (Dott. Purgon), Giovanni Varia (Sig.Diafoirus), Gaia Bica/Francesca Leo (Sig.Ra Diafoirus), Francesco Calandrino (Tommaso Diafoirus), Alessandro Bandiera (Sig. Flaurant) Riccardo Allotta (Sig. Notaio).
La regia dello spettacolo è affidata a Maria Cristina Lucido. Le scene e i costumi sono a cura di Maria Luisa Curatolo, coadiuvata da Danilo Coppola e da Clara Talluto. Tappeto musicale dell’opera saranno gli spartiti dei famosissimi autori del barocco musicale classico da Jean-Baptiste Lully, a Wolfgand Amadeus Mozart passando per Antonio Vivaldi, George Friedrich Händel  e Francesco Durante.

Share This:

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito, come molti altri, fa uso di cookie. E' importante che tu lo sappia. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi