SCUOT SPEED”, ERICE, UN NUOVO STRUMENTO PER LA POLIZIA MUNICIPALE

L’assessore alla P.M. Di Erice invita al rispetto delle regole per la civile convivenza  e al rispetto del Codice della strada avvisando la cittadinanza che, dai prossimi giorni, saranno riattivati sul nostro territorio i sistemi tecnologici per rilevare le infrazioni stradali. In particolare modo attiveremo uno strumento di controllo e lettura targhe denominato SCOUT SPEED. 

Questo servizio sarà attivato tramite  l’utilizzo di una telecamera, che collegata tramite Wi-Fi ad un tablet, gestito da un operatore di polizia municipale, sarà in grado di rilevare le infrazioni evidenti (divieto di sosta, sosta su marciapiedi, sosta in spazi riservati, sosta su attraversamenti pedonali, etc.) che verranno successivamente visionate e sanzionate; l’Amministrazione inoltre intende prevenire il fenomeno, ormai dilagante, della mancanza di  assicurazione e revisione di alcune  vetture in circolazione.

Stiamo adeguando il sistema al controllo delle targhe così da poter monitorare se i mezzi che circolano su strada sono in regola o meno.

Il Comandante della Polizia Municipale, ha precisato che la telecamera IP Wi-Fi, sarà installata a bordo dell’auto di servizio, ed avrà la funzione di fotografare e registrare le targhe.

 Un modo più veloce – afferma il comandante  Simonte- e oggettivo per rilevare le infrazioni al Codice della Strada che saranno documentate con una fotografia e perciò saranno difficilmente contestabili da parte del trasgressore. Nel caso in cui il conducente dell’autoveicolo sia presente, allora la violazione sarà immediatamente contestata, nel pieno rispetto del Codice della Strada.

Questo sistema insieme al più classico dei rilevatori di velocita’, il cosiddetto “autovelox”, verrano messi in campo per cercare di reprimere  le infrazioni al codice della strada .
L’uso di questi  strumenti di controllo del territorio – ha precisato l’Assessore alla P.M. Giuseppe Spagnolo – è finalizzata a prevenire e contrastare i comportamenti che vìolano il Codice della Strada  soprattutto quelli che  determinano criticità alla viabilità urbana e sicurezza  stradale in alcune particolari zone della città.

La carenza di organico  fa percepire mancanza di controllo sul territorio  favorendo di fatto i trasgressori; con questi strumenti mi auguro  si potranno controllare, quantomeno più velocemente, alcune  delle criticità più evidenti, mettendo i nostri agenti nelle condizioni di lavorare meglio.

Ci sono infatti arterie, come via Cosenza, che necessitano di particolari attenzioni, a maggior ragione in quanto corsie  dedicate ai  mezzi di pronto-soccorso. 

Purtroppo le nostre città sono  state pensate urbanisticamente in modo poco funzionale e, con l’incivilita’,  non facciamo altro che aggravare la situazione .

La tecnologia, da anni in dotazione all’Ente, ora deve essere sfruttata.

Un modo veloce che non richiede l’impiego di molto personale stante la carenza di organico in cui si trova il Corpo di Polizia Municipale ( si pensi infatti che abbiamo in giro una pattuglia la mattina e una il pomeriggio per tutto il territorio ), ma che permette di rendere più sicure le nostre strade.
I nostri agenti conoscono molto bene il territorio e sanno dove concentrare questo tipo di lavoro.

Insieme alla Sindaca di Erice, rivolgiamo un’ulteriore raccomandazione, al rispetto dei limiti di velocità e all’uso obbligatorio del casco e delle cinture di sicurezza, nonché all’uso illecito del telefonino alla guida dei veicoli, ciò a salvaguardia della propria e dell’altrui incolumità.

Share This:

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito, come molti altri, fa uso di cookie. E' importante che tu lo sappia. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi