Erythros avvia un progetto per ridisegnare le sei aiuole di viale delle Sirene denominandole “Giardino di Sidonia”

L’associazione Erythros dopo una fase propositiva e di cittadinanza attiva, ormai a tutti nota (l’accordo di collaborazione sottoscritto con il Comune di Trapani, con la ripetuta segnalazione di necessità di interventi sul verde pubblico e privato, la sistemazione di 185 fioriere nel centro storico di Trapani, la piantumazione di alberi ed essenze; l’intervento sui vasi della fontana del Tritone; la piantumazione di una eritrina adulta in viale Duca D’Aosta;) passa alla fase pienamente operativa di collaborazione con il Comune di Trapani, ponendosi come protagonista di un intervento, grazie anche ad una sua socia fondatrice, che ha deciso di contribuire al suo decoro urbano, attraverso una donazione per la valorizzazione di uno dei più belli posti della nostra città.

L’associazione, grazie a questa sua socia, è committente di un progetto su Viale delle Sirene – posto bellissimo, con dei tramonti su Torre di Ligny – che mira a ridisegnare le sei aiuole attraverso una vera a propria «Sistemazione paesaggistica» affidata allo “studio di architettura, giardini e paesaggio Landscaping” di Palermo. Il progetto reca la firma dell’architetto Tiziana Calvo e del consulente Agronomo Gianvito Zizzo, con la stretta collaborazione della nostra socia e del giardiniere che curerà l’impianto. Approvato dal Comune di Trapani e dalla Sovrintendenza ai beni Culturali e ambientali di Trapani, il progetto sta vedendo già i primi interventi di escavazione e preparazione delle aiuole esistenti che saranno collegate a un sistema di irrigazione.

«Lo spirito che anima l’Associazione – ricorda il presidente di Erythros, l’agronomo Filippo Salerno – non è mutato, e nasce dalla sensibilità civica che portò alla costituzione del primo nucleo del Comitato pro Eritrine che impedì l’abbattimento delle piante simbolo della città. Una delle nostre associate, una cittadina non trapanese, ma come molti, innamorata delle bellezze della nostra città, ha deciso di contribuire al suo decoro urbano sostenendo le spese per la realizzazione delle sei nuove aiuole di viale delle Sirene». L’associazione denominerà le sei aiuole “il Giardino di Sidonia”.

Il progetto, però, va oltre l’azione del mecenatismo e della cittadinanza attiva. Vuole avere, nelle intenzioni di Erythros e della anonima donatrice, una valenza didattica e di educazione al bello. L’impatto estetico di una aiuola ben composta non può sfuggire ad alcuno, ma l’intervento, una volta completato offrirà anche un esempio concreto di quale siano alcune delle piante, degli arbusti, degli alberi, delle essenze, da utilizzare nella composizione di giardini e aiuole, pubbliche o private, specialmente esposte al vicino il mare. Insomma, un modo concreto, nello stile di Erythros di destare l’attenzione per il verde come patrimonio comune, parte integrante del paesaggio urbano e, per questo, parte della nostra umana quotidianità e di un fin troppo sopito rapporto con la natura. Le aiuole riprogettate nella loro composizione botanica rappresenteranno una sorta di manuale nel quale leggere buone pratiche e suggerimenti di giardinaggio. Il progetto dopo la realizzazione sarà mantenuto e gestito dall’associazione APS Erythros, su volontà della donatrice, per altri due anni.

Il Comune farà la sua parte, come rendere disponibile l’acqua per irrigare, la sistemazione della illuminazione, nella sistemazione di alcune telecamere e nel togliere la terra salsa che si trova nelle aiuole. Il resto verrà realizzato da Erythros, come l’impianto irriguo, sistemazione di terreno fertile, concimazione e piantumazione delle essenze vegetali.

Il progetto tiene conto della condizione del luogo, assolato d’estate, battuto dai venti del nord in inverno. Si legge nella relazione tecnica dell’architetta Calvo e dall’agronomo Zizzo: «la scelta delle essenze vegetali prende le mosse dalla osservazione delle caratteristiche pedoclimatiche del luogo, nonché dalla necessità di costruire un sistema vegetale sostenibile a basso impatto e a bassa manutenzione. Sono scelte infatti essenze autoctone in associazione, molte alofite e alcune esotiche da tempo adattate all’ambiente isolano e salso, ricercando un effetto decorativo ma contestualizzato». Le poche piante che sono attualmente presenti nelle aiuole di Viale delle Sirene, tra queste un paio di eritrine e alcune tamerici, saranno collocate altrove.

«Alla anonima donatrice e socia commenta il presidente dell’associazione, Filippo Salerno  – va il ringraziamento di tutti i soci di Erythros. Erythros sta percorrendo una strada sulla quale, speriamo, possano incontrarsi altri cittadini, anonimi donatori, associazioni, istituzioni, aziende. La meta è piantare alberi, piante, arbusti, fiori, ovunque sia possibile nella nostra città per renderla più verde e più decorosa, più vicina alla sensibilità ambientale e a quel green new deal di cui tanto si parla e per il quale poco si fa».  

Filippo Salerno

Share This:

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito, come molti altri, fa uso di cookie. E' importante che tu lo sappia. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi