Presentazione del libro di Salvatore Costanza L’Italia rovasciata

Il 3 ottobre, nel chiostro di San Domenico, a Trapani, si terrà la presentazione del libro “L’Italia rovesciata. Nunzio Nasi. Una biografia politica”, l’ultimo saggio di Salvatore Costanza, edito da Màrgana Edizioni.
A dialogare con l’autore ci sarà Marcello Saija, docente di Storia delle Istituzioni politiche dell’Università degli Studi di Palermo che ha curato la prefazione.

L’evento è organizzato in collaborazione con il Comune di Trapani, la Biblioteca Fardelliana e si colloca all’interno del progetto “Trapani Città che legge”, l’importante riconoscimento ottenuto dalla città dal Ministero dei Beni e delle attività Culturali e del Turismo.

“La candidatura della Città di Trapani, fortemente voluta e sostenuta dall’Amministrazione Comunale e dalla Biblioteca Fardelliana, è il risultato di un grande impegno profuso negli ultimi due anni per promuovere la lettura e la cultura.

L’evento ha lo scopo di focalizzare l’attenzione istituzionale su fonti e tappe storiche dimenticate che coinvolgono la vita, privata e politica di Nunzio Nasi, di particolare rilevanza per la storia di Trapani e dell’intera Sicilia. Sono queste le parole degli organizzatori.

Il testo dello storico Costanza ricostruisce, come in un racconto di “affetti e memorie”, il percorso umano, politico e il dramma di Nunzio Nasi, politico trapanese e Ministro del Regno d’Italia, inserendolo in una prospettiva di più ampio contesto.
Salvatore Costanza attraversa la vita di Nunzio Nasi sin dal momento della sua nascita nella città di Trapani sviluppando per il lettore un percorso che si snoda tra documenti storici, raccolte e testimonianze, rilette in chiave storica e a tratti intima. Un volume che racconta l’impegno politico e la visione del più volte ministro Nunzio Nasi, rimasto ai margini della riflessione storica a seguito del processo dinanzi all’Alta Corte di Giustizia, che lo condannò, sia pure per “un lieve danno all’erario dello Stato”.

“L’Italia rovesciata. Nunzio Nasi. Una biografia politica” rilegge anche la figura di Giolitti e i suoi rapporti con Nasi, le riforme, gli scontri sociali, i fasci, la mafia e indaga gli scontri all’interno del compromesso agrario/industriale tra il Nord e il Sud d’Italia, probabilmente complici dell’emarginazione del politico trapanese.

Già docente di Storia e di Ecostoria negli Istituti Superiori e Universitari, Salvatore Costanza ha pure svolto attività di ricerca per la Fondazione (ex Biblioteca) G. G. Feltrinelli di Milano e per l’Istituto di Storia moderna dell’Università di Palermo.

Ha dedicato i suoi scritti alla storia della Sicilia post/unificazione, alla marginalità e alle condizioni degli emigrati. Si è occupato della scrittura delle biografie di Giovanni Gentile (Gli anni giovanili, 2011) e Leonardo Sciascia (2016). Ha pure ricostruito la storia di Trapani, città mediterranea (2005-2009).

Giornalista e scrittore, ha lavorato, dal 1957 al ’76, come redattore e corsivista nel quotidiano L’Ora di Palermo e ha ricevuto, tra gli altri, il Premio Palinuro (Cervia, 1990), l’Howard R. Marraro Prize della Society for Italian Historical Studies di New York (1994) e, nel 2000, il Premio per la Cultura della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Gli è stata recentemente riconosciuta la cittadinanza onoraria del Comune di Castelvetrano per i suoi meriti culturali e didattici.

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito, come molti altri, fa uso di cookie. E' importante che tu lo sappia. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi