Trapani, lotta ad abusivismo ed evasione nel settore turistico

L´Amministrazione comunale di Trapani punta al contrasto all´abusivismo e all´evasione nel settore ricettivo-turistico. L’azione di contrasto, rafforzata dall’aumento della tassa di soggiorno deliberato dal consiglio comunale nel dicembre dello scorso anno, ha l’obiettivo “di indirizzare le risorse derivanti da tale entrata al potenziamento e al miglioramento degli interventi dell´Amministrazione sul comparto turistico”. È stato già accertato che tale evasione non ha consentito al Comune di incassare circa 150mila euro.
“A fronte di una previsione di entrate pari a 100mila euro – fa sapere il Comune –, per il 2014 sono stati incassati a tutt´oggi circa 130mila euro grazie agli accertamenti effettuati dagli organi preposti e da adeguamenti spontanei delle strutture ricettive”.
Sulla base di un censimento effettuato dagli uffici comunali, sono state individuate le strutture presenti sul territorio, che non si sono auto-dichiarate e non hanno effettuato alcun versamento della tassa di soggiorno per l´anno 2014. Il Comune ha inviato un avviso agli operatori inadempienti, i quali dovranno regolarizzare la propria posizione entro il prossimo 31 luglio. Qualora ciò non dovesse accadere, ogni operatore sarà inserito nelle liste dei controlli che saranno effettuati a partire dal prossimo 1 agosto dagli organi di polizia amministrativa.

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *