Salone: «Ognuno ha le sue priorità. Bocciando l’emendamento anziché dare soldi alle scuole evidentemente Forza Italia e ruggirelliani preferiscono rifare piazza Vittorio Emanuele»

Piano triennale per le opere pubbliche. Bocciato dai consiglieri di Forza Italia e dai consiglieri dell’on. Ruggirello emendamenti per 2 milioni di euro da destinare agli edifici scolastici.

consiglio com di trapaniL’intento era quello di assegnare poco più di due milioni di euro in tre anni agli interventi di manutenzione straordinaria per gli edifici scolastici. Con questo spirito alcuni consiglieri comunali (Francesco Salone, primo firmatario; Girolamo Fazio, Franco Ravazza, Pino Ruggirello ‘53, Salvuccio Pumo, Nino Bianco, Giovanni Vassallo, Vito Mannina, Tiziana Carpitella, Pietro Cafarelli) avevano presentato tre emendamenti al Piano Triennale delle Opere Pubbliche chiedendo di spostare le somme dai tre interventi di riqualificazione di piazza Vittorio Emanuele e via Conte Agostino Pepoli, e di completamento funzionale piscina olimpionica di piazzale Ilio (numeri di programma 7, 8 e 26) riallocandole per le scuole (numeri di programma da 44 a 64).

L’obiettivo non è stato raggiunto per l’ostruzionismo dei consiglieri che fanno capo all’onorevole Ruggirello ed a Forza Italia.

salone francesco«Che vi sia stata l’intenzione palese di bocciare l’emendamento è dimostrato dalla dinamica dei lavori d’aula. I consiglieri di Forza Italia e quelli del gruppo Ruggirello erano già fuori dall’aula quando è stato posto in discussione il nostro emendamento per fare avere i soldi per la manutenzione delle scuole. Io ed altri consiglieri – spiega Salone – avevamo deciso di uscire dall’aula per far venire meno il numero legale non essendo presenti in quel momento tutti i consiglieri di Uniti per il Futuro e de I Ricostruttori ed essendo incerto l’esito del voto. Resisi conto di ciò i consiglieri di Forza Italia e dell’on. Ruggirello sono rientrati, garantendo il numero legale e votando contro l’emendamento».

«Per loro forse è una soddisfazione aver battuto la nostra opposizione costruttiva; per la città di Trapani una sconfitta considerato che l’emendamento – ha affermato il consigliere Salone – avrebbe dato una risposta alle pressanti richieste di intervento che i dirigenti scolastici del territorio hanno avanzato nel corso di questi anni al Comune. I consiglieri che hanno bocciato l’emendamento forse fanno finta di non sapere che presso la Commissione Lavori Pubblici (di cui Salone è presidente, ndr) sono depositate decine di pagine di verbali attraverso i quali i dirigenti scolastici hanno indicato le numerose priorità di intervento per i plessi scolastici». 

«Pur di “batterci” nel confronto in aula, con una sorta di “dispetto” ai danni dei trapanesi, i consiglieri di Forza Italia e del gruppo Ruggirello hanno ignorato la necessità di interventi strutturali nelle scuole che non sono semplici miglioramenti di condizioni di vivibilità già buone per renderle ottimali. Con il loro voto contrario la città deve rinunciare ad interventi strutturali di primaria importanza senza i quali, in taluni casi, si rischia la chiusura dei plessi e, cosa ancora più importante viene messa a rischio la sicurezza, del personale scolastico e degli alunni che vengono quotidianamente accolti nelle scuole». «Davvero i miei complimenti a questi colleghi che hanno preferito l’originaria indicazione della amministrazione Damiano: rifare piazza Vittorio Emanuele e via Conte Agostino Pepoli. Cioè assecondare la consueta incapacità di programmazione del sindaco anziché dare priorità alle azioni amministrative facendo prevalere quelle di maggiore urgenza e necessità».

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *