BENVENUTI A TRAPANI!

YASHICA Digital CameraDa qualche giorno, a Trapani, un grande cartello luminoso è attivo a Piazza Vittorio Emanuele. “Benvenuti a Trapani”, si legge, insieme ad altre scritte provvisorie, visto che i lavori devono ancora essere completati. La foto che correda l’articolo non tragga in inganno: quanto riportato nel pannello, passando di lì si legge benissimo.
Sembra essere il più attuale e vero simbolo della Città, piena di bellezza e risorse ma anche con problemi e contraddizioni. Contraddizioni, appunto, perché il parcheggio libero di Piazza Vittorio negli ultimi due anni è stato al centro del dibattito cittadino e politico, vista la presenza in via permanente di numerosi parcheggiatori abusivi, locali e non. Un vero virus dal quale sembra non si possa guarire, che affligge chiunque si trovi a parcheggiare in zona, turisti compresi, ai quali la Città non dà certo un bel biglietto da visita. Tutt’altro. Se ci si oppone al pagamento di ciò che – sottolineiamolo – non è dovuto, bisogna essere pronti a sorbirsi contestazioni se non addirittura insulti. E non capita di rado che si accendano discussioni, anche accese, tra gli stessi parcheggiatori abusivi. Motivo del contendere è il più delle volte una “offerta” accaparrata in una zona non di competenza. Sì, perché ognuno di questi pretenziosi personaggi (talvolta sono persino 6-7) marcano il territorio e guai a chi lo invade.

commenti-fb-posteggiatori

“Che fare?”, si chiedono in molti, impreparati o rassegnati a una situazione con la quale ormai sembra dover per forza convivere. Per alcuni è anche un modo come un altro per far del bene, anche se in piccolo. Quest’ultima ipotesi potrebbe anche essere valida, se non fosse che esistono leggi (e anche sanzioni!) che contrastano questa pratica che prende il nome di accattonaggio. E nonostante la norma di riferimento sia scomparsa dal nostro ordinamento, rimane un reato. Non penale (salvo particolari e precise situazioni) ma pur sempre reato, amministrativo. Nessuno pensa che i parcheggiatori abusivi se la passino bene, questo è ovvio, ma perché continuare con questa situazione se il regolamento comunale vieta espressamente l’accattonaggio, oltretutto – lo ricordiamo – per un servizio gratuito e per il quale, quindi, nulla è dovuto?
Lo scorso anno era stata mobilitata la Polizia municipale, con tanto di spot per il “cambio di rotta”, e si era persino mobilitata la Prefettura, annunciando che la Piazza sarebbe stata recintata e che si sarebbe pagato un ticket simbolico. Come è finita? La polizia locale dopo qualche mese di presenza e controllo è andata via (vai a dargli torto, visti anche i noti problemi di organico al suo interno) e del progetto della Prefettura non sembra esserci più traccia. Intanto continua la sfiducia nelle istituzioni da parte di molti cittadini, continuano le segnalazioni, le lamentele purtroppo anche le paure, insieme allo sgradevole spot offerto a turisti e visitatori. Benvenuti a Trapani!

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *