Daniela Virgilio presenta il movimento Are Attiva e si prepara alle prossime elezioni

_xt15645Ieri pomeriggio, a Dattilo, si è svolta la prima assemblea ufficiale di Area Attiva, il movimento politico-sociale presieduto da Daniela Virgilio, già consulente a titolo gratuito del gruppo parlamentare all’Ars Il Megafono e redattrice della legge sull’istituzione delle Biobanche di Ricerca in Sicilia.
Sono intervenuti: Giuseppe Verde, professore di diritto costituzionale all’Università degli Studi di Palermo, il senatore Giuseppe Lumia, Baldo Gucciardi, assessore regionale alla Salute, e il presidente della Regione Siciliana, Rosario Crocetta.
“Il futuro della nostra terra è nelle mani dei giovani – ha dichiarato Daniela Virgilio –. Uno dei primi impegni assunti, quando ho deciso di dar vita ad Area Attiva, è stato quello di dar voce a loro. Ed è proprio questo lo spirito del nostro Movimento: fare squadra, aprire al dialogo con la gente, creare delle opportunità di confronto e di crescita. Il popolo siciliano non si sente cittadino europeo, è scoraggiato dalla crisi, dalla perdita del lavoro, dalla mancanza di opportunità per i propri figli. Ma non può e non deve rassegnarsi e, soprattutto, non deve aver paura del cambiamento. Le occasioni ci sono e vanno concretizzate, basti pensare, ad esempio, ai programmi di sviluppo che propone la Commissione Europa, mediante i cosiddetti Fondi Diretti”.

Daniela Virgilio ha poi presentato il Movimento Area Attiva, con un occhio puntato alle elezioni del 2017: “Area attiva è un contenitore di idee, di tematiche che stanno a cuore a tutti. Il programma lo faremo insieme. Presenteremo due liste in ognuno dei Comuni in cui si andrà al voto”.
Area Attiva ha già aperto le prime sedi, denominate satelliti, in provincia di Trapani: tre a Trapani, due ad Erice, una sede a Valderice, Alcamo, Pantelleria, Ummari e Fulgatore. A breve verranno aperte sedi nel palermitano e nell’agrigentino.
Nel corso dell’incontro, sono state illustrate le ragioni del sì al Referendum Costituzionale del prossimo 4 dicembre. Il professor Verde ha parlato dei punti della riforma costituzionale: bicameralismo paritario, riduzione del numero dei parlamentari, contenimento dei costi di funzionamento delle istituzioni, soppressione del CNEL e revisione del titolo V della parte II della Costituzione.
L’incontro si è chiuso con l’ingresso in Area Attiva dei primi 15 soci sostenitori, i quali hanno promesso pubblicamente di partecipare attivamente alle assemblee, rispettando le regole e il codice deontologico che il Movimento si è dato e avranno diritto di voto durante le assemblee.

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *