Assistenza alla comunicazione e all’autonomia scolastica, “servizio assicurato grazie all’impegno del Libero consorzio comunale”

“Èassistente comunicazione sicuramente possibile fornire all’alunno disabile un servizio migliore e più efficiente, per cui risulta auspicabile sviluppare un lavoro di rete tra Servizi Sociali Referenti scolastici, referenti degli Enti, ASL, Associazioni etc., anche per meglio calibrare l’intervento socio-educativo e neutralizzarne le criticità”. Lo ha affermato con forza il Commissario Straordinario del Libero Consorzio Comunale di Trapani, Raimondo Cerami, nel suo intervento di introduzione al focus dal tema “Un’Amministrazione diversamente abile” sull’assistenza alla comunicazione e all’autonomia scolastica, tenutosi oggi presso l’Aula Consiliare dell’Ente.
L’evento, coordinato dall’avvocato Diego Maggio, dirigente dell’ex Provincia Regionale, e organizzato in collaborazione con la Cooperativa Sociale La Fenice di Custonaci, mediante la quale il Libero Consorzio ha garantito la prosecuzione del servizio anche per l’anno scolastico 2016/2017.

Va ricordato che la Regione Siciliana – con apposita legge e tramite l’Assessorato Regionale delle politiche sociali – ha avocato alla propria competenza tale servizio, assumendone anche l’onere finanziario necessario ad assicurare lo svolgimento delle relative attività durante l’anno scolastico in corso ma delegandone la realizzazione e la gestione alle Città metropolitane e ai Liberi Consorzi Comunali, che provvedono singolarmente ad espletare le procedure di affidamento. Pertanto, dal gennaio 2016 e fino ad oggi, in regime di prosecuzione, l’ex Provincia ha assicurato l’espletamento delle proprie competenze per il tramite della Cooperativa Sociale “La Fenice”.
“Il Libero Consorzio, malgrado il diffuso clima di incertezza istituzionale per le note vicende politiche che hanno fin qui coinvolto gli enti locali intermedi – ha sottolineato Cerami – continua a lavorare, cercando di ottenere un rapporto sinergico tra tutte le Istituzioni competenti, auspicando inoltre che gli Enti preposti ci forniscano quelle risorse finanziarie necessarie al miglioramento dei servizi fin qui garantiti”.

Le notevoli difficoltà congiunturali sono state poi efficacemente evidenziate da Loredana Cantalicio, funzionario responsabile dei Servizi Sociali del Libero Consorzio, che nella sua relazione ha messo in evidenza, tra l’altro, come le somme spese dall’ente siano state di gran lunga superiori a quelle che la Regione Siciliana ha ristorato.
“È palese – ha aggiunto – che dai numeri il nostro Ente risulta in difficoltà ma, grazie al risparmio ottenuto mediante l’esecuzione in house del servizio di assistenza igienico personale, riuscirà a garantirlo fino al 31 dicembre 2017 mediante gara ad evidenza pubblica in corso di celebrazione”.

All’intervento di Marilena Marsala, pedagogista, interprete Lis e assistente all’autonomia e alla comunicazione, hanno fatto seguito le testimonianze, con punti di vista a confronto sulla importanza della figura professionale ASACOM (Assistente per l’autonomia e la comunicazione di alunni con disabilità – Legge 104/1992), portate da Domenico Pocorobba, Dirigente scolastico, Monica Sammartano, assistente all’autonomia scolastica, da Salvo Samannà, interprete Lis e assistente alla comunicazione e da Andrea Giacalone, genitore, nonché la testimonianza diretta di alcuni studenti disabili delle scuole superiori circa la cosiddetta “Customer Satisfaction” sulla prestazione del servizio di Assistenza per l’autonomia e la comunicazione reso dalla Cooperativa Sociale La Fenice e coordinato da Patrizia Genna e da Vincenza Di Giovanni.

Da aggiungere, infine, che il servizio di interpretariato Lis/Italiano del focus è stato curato da Marcello Di Fatta e Domenico Danilo Pappalardo e che l’Istituto Professionale Alberghiero di Erice ha offerto un “coffee break” ai partecipanti alla conferenza, grazie all’attuazione del progetto “Dopo di Noi”, progetto previsto dalla Legge 112/2016 contenente disposizioni in materia di assistenza in favore delle persone con disabilità grave prive del sostegno famigliare.

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *