Copagri di Trapani: sostegno dell’agricoltura siciliana e soprattutto quella trapanese

COOPAGRILa Copagri di Trapani ha inviato una lettera all’assessore regionale dell’agricoltura, On.le Cracolici chiedendo un pronto intervento a sostegno dell’agricoltura siciliana e soprattutto quella trapanese, per i danni subiti per la prolungata siccità che ha colpito il nostro territorio.

Siccome il monitoraggio che l’assessore Cracolici, richiesto alle sezioni territoriali dell’Ispettorato dell’agricoltura, è stato ultimato, chiediamo un intervento immediato, senza aspettare la scadenza elettorale del prossimo 5 novembre, per dimostrare agli agricoltori siciliani che l’economia agricola è di primaria importanza.

Invitiamo l’Assessore Cracolici, afferma Pino Aleo, Presidente Provinciale della Copagri, di volere esaminare le seguenti agevolazioni, tra l’altro richieste dagli agricoltori, durante una assemblea tenuta, la scorsa settimana a Trapani:

  • contributi in conto capitale fino all’80% del danno sulla produzione lorda vendibile;
  • prestiti ad ammortamento quinquennale per le maggiori esigenze di conduzione aziendale;
  • proroga delle rate delle operazioni di credito in scadenza nell’anno in cui si è verificato l’evento calamitoso;
  • esonero parziale del pagamento dei contributi previdenziali e assistenziali in scadenza nei dodici mesi successivi alla data in cui si è verificato l’evento;
  • Aumento dei de-minimis da 7.500,00 a 30.000,00 per ditte individuali e da 250 mila a 350 mila per aziende associate, cantine sociali e cooperative;
  • Capitalizzazione debiti aziende agricole da ammortizzare in 10 anni con un abbattimento pari al 40%;
  • Contributo per la maggiore spesa per l’approvvigionamento acque per irrigare i campi, quali gasolio e costi consortili .

Speriamo, conclude Aleo, che le nostre richieste non siano” lettera morta” o addirittura non siano cestinate. Se dovesse succedere, speriamo di no, saremo pronti, dopo la vendemmia, di scendere in piazza per rivendicare i nostri diritti.

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *