Tari, i Comuni rassicurano, le associazioni di consumatori controllano

2529191-bolletteLe rassicurazioni, però, non bastano. Diversi cittadini sostengono di avere riscontrato anomalie e, pertanto, le associazioni di consumatori sono disponibili ad effettuare delle verifiche.

A Trapani l’associazione “Codici”  ha attivato una “task force di controllo” a tutela dei cittadini che vogliano ricontrollare ed eventualmente richiedere quanto loro ingiustamente addebitato dai comuni per la Tari dal 2014 ad ora. “Ad oggi – spiega Marco Amato, responsabile dello sportello Codici di Trapani – ci vengono segnalate alcune anomalie sul computo della quota variabile”.

Per fare chiarezza e dare assistenza ai cittadini, l’associazione mercoledì prossimo, dalle 17 alle 19, nella sua sede di via Michelangelo Fardella, (traversa di via Virgilio) sarà aperta al pubblico per fornire assistenza. Basterà portare le bollette pagate ed i certificati catastali degli immobili. Per ulteriori informazioni si può contattare il 3293536578.

Dal comune di Trapani, tuttavia, precisano che “la Tari delle utenze domestiche è composta dalla somma di due quote, quella fissa legata ai metri quadrati della casa, quella variabile, che varia appunto in base al numero dei componenti della famiglia. In caso di immobile con pertinenza (ad esempio un garage o una cantina) la procedura seguita dall’Ufficio è quella di applicare una sola volta la quota variabile, considerando la pertinenza quale accessorio della casa. Pertanto non si riscontra una doppia applicazione della parte variabile né errori o anomalie nell’emissione delle informative di pagamento del tributo, in quanto a partire dall’annualità 2013 il Servizio Tributi ha provveduto, alla rettifica di residuali posizioni contributive provvedendo, d’ufficio, alla modifica dei dati impositivi, con la rideterminazione dell’imposta ed il rimborso/compensazione delle eventuali somme pagate in eccedenza. Infine, qualora venissero riscontrate, su circa 25.000 utenze domestiche, singole posizioni contributive anomale o recanti doppia imposizione della quota variabile, si provvederà automaticamente alla correzione dei dati, alla rideterminazione del tributo ed al rimborso delle somme eccedenti”.

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *