Gioco d’azzardo, a Trapani spesi 49 milioni in un anno

17542_650_320_dy_Lotta_al_gioco_dazzardo_Sassari_in_prima_linea_Dal_Comune_fondi_ai_commercianti_che_rinunciano_alle_slot_machineSeppur considerevolmente inferiori alla media nazionale, sono comunque preoccupanti i dati sul gioco d’azzardo a Trapani. Secondo il database interattivo creato dai quotidiani del gruppo Gedi, già L’Espresso, insieme a Visual LaB e a Dataninja, a Trapani nel 2016 sarebbero stati spesi, 49 milioni di euro in videogiochi. In pratica è come se ciascun abitante avesse speso 383 euro, mentre a Erice su 14milioni di spesa è come se ogni ericino avesse speso addirittura 526 euro in slot machine e Video lottery. Un  dato allarmante, ancor di più se si tiene conto che la piattaforma analizza soltanto le macchinette legali, non riuscendo a tracciare l’enorme flusso di denaro che finisce nei circuiti illegali.

«Per i milioni di euro che vengono bruciati nell’azzardo, la Sicilia è considerata la Las Vegas del Meridione commenta il coordinatore di Mettiamoci in gioco – Ma la questione non è solo economica: tutti i medici dei Sert dicono che hanno sempre più a che fare con persone che chiedono di essere curate per dipendenza dall’azzardo patologico più che da sostanze come droghe e alcol». Per arginare il dilagante fenomeno dell’invasione delle apparecchiature elettroniche, alcuni comuni anche siciliani, si sono dotati di un regolamento antislot che prevede che ci sia una distanza di sicurezza da luoghi sensibili, come scuole, oratori, centri anziani e una limitazione negli orari. «È necessario – conclude Gandolfo – non sminuire il problema ma alzare il livello di guardia nei confronti di un’offerta del gioco che è diventata mostruosa».

A Trapani, per arginare il fenomeno, sia “Mettiamoci in Gioco”, sia “l’Associazione Osservatorio per la Legalità” hanno predisposto e messo a disposizione Ordinanze sindacali per regolamentare l’offerta del gioco.

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *