Cisl: “Il Comune di Trapani non rispetta il contratto dei lavoratori”

bandiera comune trapani a luttoDura presa si posizione della Cisl di Trapani nei confronti del Commissario Messineo. “Il Comune di Trapani – scrivono – non rispetta il contratto dei propri lavoratori”. L’allarme arriva dal segretario aggiunto della Cisl Fp
Palermo Trapani, Marco Corrao, che ha scritto una nota formale al commissario straordinario dell’ente, Francesco Messineo, “manifestando stupore per l’inottemperanza degli impegni assunti. Con il segretario
generale, Raimondo Liotta – spiega Corrao – oltre che con il commissario del Comune di Trapani, informalmente era stata raggiunta un’intesa sul pagamento della produttività per i dipendenti prima della busta paga di febbraio. A oggi quest’impegno è svanito nel nulla e addirittura si scopre che una buona parte della dirigenza, fatta eccezione per pochi, non ha adeguato gli obiettivi alle regole della performance valide sia per i dipendenti, sia per gli stessi dirigenti, che verrebbero sottoposti a un criterio di valutazione preciso”. Alla luce di queste “gravi inadempienze”, la Cisl Fp ha invitato il commissario del Comune ad “assumere o a delegare ad altri la gestione di questa materia tanto delicata. Il segretario generale ha dimostrato di non poter essere garante degli accordi presi – dichiara Corrao – per cui chiediamo un intervento diretto del massimo vertice dell’ente. In assenza di un cambio di passo, saremo costretti nuovamente a informare la Procura della Repubblica sulla qualità degli uomini che hanno il compito di coordinare l’apparato burocratico cittadino. Inoltre chiederemo il supporto del Prefetto, Darco Pellos, perché valuti di avocare a sé la vertenza, in modo da responsabilizzare il segretario generale rispetto a un tema fondamentale per i lavoratori comunali”. La Cisl Fp ha già avviato,
attraverso il proprio ufficio legale, un’azione risarcitoria per perdita di chance, rivolta a tutti i lavoratori. “Patrocineremo – afferma Corrao – la tutela dei diritti dei dipendenti vittime di illogicità amministrative e burocratiche. Non escludiamo di promuovere un’assemblea generale e un’azione di protesta, per evidenziare il
generale senso di sfiducia dei lavoratori”.

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *