Oltre 2100 i casi di covid 19 accertati in provincia di Trapani. Sarà sufficiente la zona arancione per fermare i contagi?

Siamo vicini alla terza ondata? Sembra proprio così. Non si arresta questa dannata pandemia, con aumento dei casi in modo proporzionale in tutto il territorio trapanese. 

Le zone a colori ogni giorno sanno di grigio e non sembrano ottenere dei risultati soddisfacenti. Una causa su tutti è la tracciabilità, o meglio la mancata tracciabilità, non adeguatamente attenzionata degli organi preposti alla ricerca dei possibili portatori del virus. Un buon lavoro per ottenere dei risultati potrebbe essere quello di mettere in “zona nera” le persone vicine ai contagiati, individuare eventuali focolai ed isolarli. E’ un’operazione complicata, difficile, ma potrebbe portare benefici evidenti ed eliminare le restrizioni per tutti i cittadini, dove ha fallito miseramente l’App immuni potrebbe risolvere la praticità dell’uomo. E con l’aiuto di volontari, operando da casa, sarebbe una operazione vincente, praticata città per città, paese per paese.

Totale casi attuali positivi 2170 (il dato è al netto di decessi e guarigioni) così distribuiti:

Alcamo 203; Buseto Palizzolo 8; Calatafimi-Segesta 6; Campobello di Mazara 31; Castellammare del Golfo 47; Castelvetrano 100; Custonaci 8; Erice 144; Favignana 22; Gibellina 53; Marsala 475; Mazara del Vallo 434; Paceco 47; Pantelleria 6; Partanna 36; Poggioreale 1; Salaparuta 6; Salemi 3, Santa Ninfa 2; Trapani 392; Valderice 115; Vita 2, San Vito Lo Capo 8; Petrosino 21.

Ricoverati in Terapia Intensiva – 9

Ricoverati non in Terapia intensiva – 138
Isolamento domiciliare obbligatorio – 2023
Decessi – 148

Guariti 4773

Tamponi 670, 434 tamponi per la ricerca dell’antigene.



Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *