Un’onda di protesta e di bellezza attraversa l’Isola. Grande successo del Flash mob #FaciemuScruscio for Future ieri in Sicilia

Un puzzle di associazioni, dal Coordinamento Salviamo i Boschi che si occupa specificatamente del tema, alle associazioni ambientaliste storiche fino a piccoli gruppi di cittadini organizzati: tutta la Sicilia ieri si è mobilitata contro gli incendi, dando luogo alla più grande manifestazione degli ultimi anni. Un centinaio di associazioni, migliaia di persone, più di 30 i flash mob che hanno avuto luogo: tanti bambini, studenti, anziani, teatranti ed artisti, fotografi e droni… persino una barca a vela! Un fatto straordinario, reso possibile dalla capacità comunicativa dei Social, da dove è partita la protesta, che rende evidente quanto i siciliani e le siciliane siano stanchi di assistere inermi alla devastazione del loro territorio.

Un’onda di protesta ma anche di spontaneità e di bellezza ha attraversato l’isola, coinvolgendo da Ragusa a Trapani passando per Iblei, Peloritani, Madonie, per approdare di fronte al Palazzo della Presidenza della Regione. Qui le firme di 43.500 cittadini si sono materializzate in dodici sagome con i nomi di tutti i firmatari e il flash mob ha voluto ricordare al presidente Musumeci che la società civile attende delle risposte concrete dalle istituzioni.  Non basta inasprire le pene, bisogna prima individuare i colpevoli a tutti i livelli e solo dopo punirli. Soprattutto, bisogna lavorare sulla prevenzione, evitare che gli incendi scoppino attraverso un adeguato controllo del territorio e il presidio attivo delle aree sensibili. Ma proprio quest’anno la prevenzione parte ancora più in ritardo degli altri anni. Come potranno finire entro il 15 giugno i lavori di pulizia dei viali parafuoco se ancora non sono stati presentati i progetti per avere accesso ai fondi europei? Il quadro che emerge è davvero desolante: non ci sono segnali di cambiamento nonostante i 35.900 ettari di superficie totale andati in fumo la scorsa estate. E’ anche contro queste inadempienze e questi ritardi che i vari flash mob hanno protestato.

I cittadini sono consapevoli del pericolo che la Sicilia sta correndo con il 70% del proprio territorio già a rischio desertificazione e ieri hanno voluto far sentire la propria voce (e le proprie proposte attive, già presentate al Governo regionale) prima dell’avvio della stagione estiva.  “Non vogliamo l’ennesima estate di roghi, come purtroppo i primi incendi degli Iblei e di Vendicari fanno presagire. Basta roghi, basta promesse, basta lacrime di coccodrillo. Il momento di agire è adesso” dicono gli organizzatori del Flash mob.

Continueremo a Fare Scruscio finché non vedremo dei risultati concreti

La tua azienda sta per fallire se non...

Attiri nuovi clienti in maniera prevedibile e alzi la frequenza di acquisto

https://www.marcodasta.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Share via
Prendi Questo BONUS, clicca qui sotto