Partirà domenica 28 novembre il progetto “Le domeniche nel borgo”

Prenderà il via domenica 28 novembre 2021 il progetto “Le domeniche nel borgo” che è inserito nell’ambito di una più ampia collaborazione tra il Comune di Erice e l’Istituto di Istruzione Secondaria Superiore “Sciascia e Bufalino” da cui parte l’iniziativa sposata dall’Amministrazione Comunale. Il progetto è destinato agli studenti del triennio Tecnico Turismo Curvatura Turismo ed ha come obiettivo principale quello di favorire lo sviluppo di abilità comunicative e linguistiche degli stessi, promuovendo Erice quale borgo ricco di testimonianze artistiche e paesaggistiche, anche con il coinvolgimento degli studenti delle scuole medie del territorio.
Il Progetto “LE DOMENICHE DEL BORGO” ha previsto una specifica preparazione degli studenti per potenziare le competenze previste dal curriculum d’indirizzo; gli stessi studenti a cascata formeranno gli studenti interessati delle scuole medie, trasmettendo loro le conoscenze acquisite sui siti oggetto di interesse, cioè il Castello di Venere, il Polo Museale “A. Cordici”, la Torretta Pepoli, Erice in miniatura e il Quartiere Spagnolo (gli ultimi tre a partire dalla primavera).
Il progetto si snoderà in alcune domeniche del mese, a partire da novembre 2021, fino alla fine dell’anno scolastico. Saranno coinvolti tre studenti per ogni sito individuato, tra le ore 10 e le ore 17 di ciascuna delle seguenti giornate: 28/11/2021; 26/12/2021; 24/04/2022; 22/05/2022; 26/06/2022.

«Il progetto – commentano la sindaca Daniela Toscano e l’assessora Rossella Cosentino – consentirà agli studenti di poter fare un’esperienza di “ciceroni” presso i siti culturali del Comune, ma anche di educare alla bellezza, alla conoscenza e all’uso consapevole del ricco patrimonio culturale e artistico che ci circonda. Ciò consentirà anche di educare ad un’azione di salvaguardia dei nostri siti, al rispetto ed alla valorizzazione degli stessi, contribuendo alla costruzione di un’etica collettiva ed allo sviluppo di senso civico».

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *