Ora basta! L’escavazione dei fondali del Porto di Trapani non può essere continuo ostaggio di strumentali prese di posizione sovente ammantate di radicale ambientalismo

Com’è noto, dopo decenni di chiacchiere e false promesse, finalmente grazie alla sinergica intesa e concreta operosità dell’Autorità di sistema portuale Sicilia occidentale siamo alla svolta.
L’escavazione (o per meglio dire la pulitura, bonifica e rimozione dei rifiuti sedimentati) dei Fondali del Porto di Trapani, dotata di un finanziamento di 67,7 milioni di € può essere avviata con l’inizio del prossimo anno.
Tanto restituirebbe capacità di “pescaggio” al porto di Trapani, ripristinando sostanzialmente i pescaggi di un tempo adesso insabbiati e dando sicurezza all’operatività portuale favorendo la rivitalizzazione e sviluppo della cantieristica, commercio, turismo Etc. Peraltro la conquista della zona ZES, fortemente voluta da questa A.C. in area ASI ed interporto a Milo, rappresentano la chiave di svolta anche economica e produttiva e dunque occupazionale per buona parte della Sicilia occidentale.
Risponderanno puntalmente i tecnici dell’Autorita di Sistema Portuale Sicilia Occidentale ai quesiti ed in particolare alle allarmistiche affermazioni anche di Lega Ambiente Sicilia, indirizzate a mezzo mondo con il fine di “bloccare” l’escavazione dei fondali?
La mie personale formazione culturale e politica nasce militando in ARCI a supporto della battaglia di Maria Guccione contro le piattaforme nelle Egadi, nel rispetto e tutela dell’ambiente. Ma non è possibile diventare ostaggio degli estremismi e radicalismi.
Diversamente da Lega Ambiente Sicilia, che era favorevole, ci siamo invece opposti – ed io sottoscrivendo personalmente – tanto come sistema Comuni e Mondo della Pesca, all’avvento del mega parco eolico Renexia nel Mediterraneo che avrebbe rubato fondali marini indispensabili per la sopravvivenza della marineria trapanese, mazarese e marsalese in primis, oltre ad un evidente stravolgimento del sistema eco ambientale.
Ed ancora insieme ai Comuni, al mondo agricolo ed all’arcipelago delle associazioni, peraltro davanti al parere favore della stessa Lega Ambiente Sicilia, ci siamo invece opposti fortemente nell’accogliere rifiuti radioattivi di mezz’Italia nelle nostre campagne (Fulgatore / Calatafimi).
Adesso rischiamo di passare NOI per quelli che vogliono minare la produttività di una zona di pesca molte miglia a nord di Monte Cofano (Comuni Custonaci – San Vito Lo Capo) sol perché, come previsto per legge, in sito viene programmata la dispersione di sabbia ripulita proveniente, dopo i trattamenti previsti per legge, dall’escavazione dei fondali di alcune zone del porto di Trapani? Ma scherziamo? S’informino e si documentino meglio questi signori, insieme a qualche distratto ed allarmato amministratore locale, ricordandosi anche che il progetto è munito dei pareri di mezzo mondo e che l’Autorita di Sistema è un ente pubblico mica il primo “incivile scaricatore di porto” su cui infierire anche gratuitamente. Aggiungo che personalmente insieme a rappresentanti qualificati del mondo della pesca ci siamo finanche confrontati con il Presidente Monti ricevendo ulteriori rassicurazioni anche operative sulle modalità di dispersione in sito che non intaccheranno minimamente la capacità produttiva naturale dei fondali.

Ma dopo l’organo preposto alle autorizzazioni, che è l’Assessorato Territorio ed Ambiente, non si ritiene che lo stesso sia in grado di valutare le problematiche senza inutili segnalazioni e diffide che costituiscono solo improduttivi elementi di disturbo?
Ora basta! Nell’ambiente in cui viviamo, sotto questo cielo, sotto e sopra questo mare, esistono da tutelare sicuramente forme vegetali ed animali, esistono però anche le persone, per cominciare dai pescatori ed arrivare agli imprenditori portuali e del turismo.
Esiste una economia in crisi, dal mondo della pesca a quella dell’agricoltura a quella turistica. Noi vogliamo difendere e tutelare anche questo “ambiente sociale”.
Non si può far morire questo mondo vitale per mera improvvisazione ecologico – ambientalista condita da tanta ignoranza in materia. Ora basta!

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *