La nuova isola ecologica intelligente nel porto peschereccio di Trapani. Sarà al servizio della flotta peschereccia del capoluogo

Un nuovo servizio viene messo a disposizione della flotta peschereccia trapanese. Una opportunità da tempo attesa per allineare il porto di Trapani con le disposizioni in materia di rifiuti speciali e pericolosi, già operative in altri porti italiani. Si tratta di una moderna isola ecologica mobile ed intelligente messa a disposizione dal concessionario Soluzioni e Servizi Ambientali srl. L’isola è completamente informatizzata per la registrazione e validazione del conferimento e troverà ubicazione nell’area del sedime portuale, già debitamente delimitata dall’Autorità Portuale e ad accesso controllato, a pochi passi dalla banchina di piazza scalo d’alaggio, principale approdo della flotta peschereccia trapanese. Gli utenti, preventivamente registrati ed in convenzione con il concessionario potranno conferire tutte le tipologie di rifiuti tipicamente prodotte dalle imbarcazioni da pesca.

Cosa è possibile conferire
Presso l’isola ecologica sarà possibile conferire: filtri di olio e dell’aria dei motori di bordo; batterie; oli esausti, acque di sentina, plastica, cime di ormeggio, ferro, reti da pesca usate, stracci e stoppe, imballaggi contaminati. In pratica tutti i rifiuti che vengono prodotti dalle imbarcazioni da pesca professionali. Inoltre i pescherecci possono conferire anche i rifiuti che accidentalmente incappano nelle reti da pesca, in prevalenza plastiche.

Come funziona
L’accesso all’isola ecologica è consentito solo a quanti saranno in possesso dell’apposito badge rilasciato dalla Autorità portuale. L’isola, inoltre, sarà presidiata da personale del concessionario e le operazioni di conferimento, benché informatizzate e registrate da un software automatico, si svolgeranno sempre con l’ausilio di operatori della società Soluzioni e Servizi Ambientali che sovrintenderà al corretto conferimento dei rifiuti. Gli armatori, o personale da loro delegato e preventivamente registrato presso il concessionario, potranno inserire il codice fiscale, selezionare il tipo di rifiuto da conferire quindi, dopo la verifica del peso, gettarlo nel cassonetto apposito. La quantità di rifiuti conferita verrà scalata dal quantitativo medio annuo concordato con il concessionario.Costi e tariffe
I costi di gestione sono a carico del concessionario. Al momento le tariffe non sono state ancora definite nel dettaglio. Esse saranno correlate alla quantità media dei chilogrammi di rifiuti che vengono ordinariamente prodotti a bordo delle imbarcazioni da pesca e saranno indicate, d’intesa con le associazioni degli armatori, seguendo il criterio della stazza lorda dei natanti distinguendo, in linea generale, tra piccole e grandi imbarcazioni. Ogni singola convenzione prevederà il quantitativo medio di rifiuti prodotti, raggiunto il quale per il conferimento dovrà essere corrisposta una quota di “eccedenza” sulla base della tariffa già approvata dalla autorità portuale.

Tecnologia informatica e statistiche
L’isola ecologica, prodotta dalla ditta marsalese IM&A Ecology, ha un hardware ed un software proprietari. Tutti i dati raccolti sui diversi conferimenti vengono scaricati ed elaborati in tempo reale su un server che consente in ogni momento di restituire le statistiche di conferimento, della qualità e quantità di rifiuti prodotti da ogni peschereccio e dalla flotta nel suo complesso. Elementi di conoscenza che, scattando giorno dopo giorno la fotografia reale dei rifiuti prodotti, consentirà nel tempo di implementare il servizio o correggerne eventuali criticità.

Dichiarazione di Salvo Pumo – direttore tecnico Soluzioni e Servizi Ambientali srl
«La Soluzioni e Servizi Ambientali con questo servizio ha risposto ad un’esigenza posta dall’Autorità Portuale di Sistema, quella di offrire una risposta efficace e immediata alla flotta peschereccia trapanese. L’isola ecologica, nel suo complesso, e l’isola intelligente sono state realizzate secondo le precise indicazioni, progettuali ed esecutive, della stessa Autorità, per monitorare i conferimenti dei rifiuti speciali e pericolosi prodotti dalle attività di pesca. Oggi, grazia alla presidenza dell’Autorità, si stanno realizzando nonostante le relative complessità progettuali, tutta una serie di attività e servizi, dai depositi temporanei alle isole ecologiche, che danno immagine ed efficienza al porto di Trapani».

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *