Gli appuntamenti di novembre e dicembre al Centro “Nuara-Cook Sicily”

Entra nel vivo la stagione di eventi, laboratori, degustazioni e iniziative al centro di cultura gastronomica “Nuara-Cook Sicily”, tanti gli incontri che si avvicenderanno nei mesi di novembre e dicembre.

L’1 novembre si terrà un laboratorio di Cassata siciliana, a cura del maestro pasticciere Nino Mineo, lo chef Angelo Franzò invece sarà il protagonista di una lezione di cucina e cooking show in programma il 6 novembre, fra innovazione e tradizione. Il 12 novembre si svolgerà un incontro dedicato ai sughi e alle salse, a cura dello chef Francesco Pinello.

Grande attenzione all’educazione alimentare per i più piccoli. Il centro di cultura gastronomica, infatti, ha un’apposita sezione dedicata a percorsi di avvicinamento al cibo e alla cucina per i bambini e i ragazzi, con approfondimenti didattici, ludici ed educativi volti a creare maggiore consapevolezza del grande patrimonio storico e culturale che caratterizza la gastronomia del territorio. Due gli incontri per bambini in programma: uno il 15 novembre, riservato ai bambini tra i 6 e i 12 anni; l’altro si terrà il 22 novembre e sarà dedicato ai piccolissimi (bambini di età massima di sei anni, accompagnati da un genitore).

Gli incontri al Nuara proseguiranno il 20 novembre con una speciale lezione di conservatoria dedicata ai Salinai e alle loro tradizioni culturali e gastronomiche. I presenti incontreranno Salvatore Culcasi e la gente di salina fra storie, canti e cibo.

Il 27 novembre sarà la gastronomia di Sciacca ad essere protagonista. L’evento sarà arricchito da un particolare incontro con il produttore di acciughe Joseph Licata.

Non mancheranno i dolci della tradizione: il 6 dicembre si terrà un incontro dedicato al Cuddureddu di Calatafimi. Le signore dell’associazione “Profumi di Sicilia” prepareranno e insegneranno ai presenti, il loro “sapere” affinché non si perdano tradizioni secolari.

Il 13 dicembre, a grande richiesta, torna la cena al buio. Un’esperienza sensoriale unica, che unisce il gusto della convivialità all’opportunità di provare ad uscire dal nostro mondo pieno di immagini per concentrarsi solo su alcuni sensi, riflettendo su chi vive sempre in queste condizioni.

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *