Paceco, atto di indirizzo per la redazione del Piano Urbanistico Generale (PUG)

L’Amministrazione comunale di Paceco ha avviato le procedure per la redazione del Piano Urbanistico Generale (PUG), strumento introdotto dalla Legge regionale n. 19 del 13 agosto 2020 con nuove disposizioni in materia urbanistica.

In particolare, su proposta dell’assessore all’Urbanistica, Michele Ingardia, la Giunta Scarcella ha deliberato l’atto di indirizzo con il quale vengono regolamentate le attività amministrative da porre in essere e si assegnano le prime direttive per la redazione del piano.

Ulteriori direttive per la progettazione del PUG scaturiranno dalle proposte che saranno formulate dai cittadini e da tutti i soggetti interessati.

“Con questo atto si da il via ad un importante processo di studio e di pianificazione urbanistica del nostro territorio. – spiega l’assessore Ingardia – Con il PUG non si mira ad avere semplicemente un aggiornamento dello strumento urbanistico, ma un nuovo strumento urbanistico basato su nuove norme, che mira alla riqualificazione e alla rigenerazione urbana, passando per un consumo del suolo più ragionato e riorganizzato, senza tralasciare la sostenibilità ambientale; in pratica è uno strumento di composizione e sintesi degli interessi relativi al governo della città e del territorio”.

“Il pieno recupero del centro storico – si legge nell’atto deliberativo, dichiarato immediatamente esecutivo su proposta del Sindaco, Giuseppe Scarcellaè considerato un indirizzo strategico prioritario, per la risposta che tale attività può dare ai fabbisogni residenziali, turistici e di servizi ed allo sviluppo economico, sociale e culturale del comune, nell’ottica, proposta dal legislatore, del contenimento del consumo di nuovo suolo”.

Sono molteplici, i passaggi per procedere alla pianificazione urbanistica del territorio comunale:

1)             nomina del responsabile del procedimento con il compito di:

–        pubblicare nell’albo pretorio e sul sito web del Comune un avviso di avvio del procedimento di formazione del PUG, specificando le modalità attraverso cui gli interessati possono avanzare proposte e formulare suggerimenti;

–        individuare le modalità con le quali consultare e coinvolgere nelle successive fasi del procedimento i soggetti pubblici e privati ed i rappresentanti degli ordini e collegi dei professionisti che per loro specifiche competenze e responsabilità sono interessati al piano, eventualmente anche attraverso la costituzione di un forum per le consultazioni;

–        trasmettere al Consiglio comunale il Documento preliminare di PUG ai fini della adozione e successivamente il progetto di PUG;

–        indire le conferenze di pianificazione;

–        disporre la pubblicazione del Preliminare di piano e successivamente del PUG;

2)             nomina dell’Ufficio comunale per la pianificazione urbanistica e per la gestione del Sistema Informativo Territoriale;

3)             affidamento della progettazione del PUG al responsabile dell’Ufficio comunale ovvero a professionisti all’uopo incaricati o consulenti che siano qualificati in materia di pianificazione urbanistico-territoriale;

4)             affidamento degli incarichi per la redazione dei seguenti studi di settore di supporto alla progettazione del PUG:

–        Studio Agricolo Forestale (SAF);

–        Studio geologico. con particolare riferimento agli aspetti idrogeologici e dello studio di compatibilità idraulica di cui al piano di gestione del rischio alluvioni e per come previsto dal Piano stralcio di bacino per l’assetto idrogeologico della Regione siciliana (PAI)”;

–        Studio demografico e socio-economico;

–        Studio archeologico, da richiedere alla competente Soprintendenza per i Beni Culturali e Ambientali;

–        Rapporto Preliminare e definitivo Ambientale VAS.

I primi passaggi sono stati compiuti: il responsabile del IV Settore “Urbanistica, Territorio, Ambiente e Sviluppo Economico” ha pubblicato l’Avviso di “avvio del procedimento di formazione del Piano Urbanistico Generale”, invitando tutti gli interessati “entro il termine di trenta giorni, ad avanzare proposte o formulare suggerimenti riguardanti tale procedimento, facendoli pervenire attraverso PEC all’indirizzo protocollo@pec.comune.paceco.tp.it, ovvero attraverso raccomandata o brevi manu, all’indirizzo Comune di Paceco, via Amendola, 1 – cap 91027”. I contributi pervenuti saranno tenuti in considerazione durante la fase di elaborazione del Documento preliminare del PUG.

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *