LA GUARDIA COSTIERA SOCCORRE UN MARITTIMO DI UNA NAVE PETROLIERA COLTO DA MALORE IN MARE APERTO

Nel primo pomeriggio odierno la motovedetta SAR CP 330 della Capitaneria di Porto di Trapani ha soccorso un marittimo dell’equipaggio della petroliera “FINICUSA M.”, colto da improvvisi dolori all’addome mentre si trovava in navigazione a 21 miglia ad ovest dell’isola di Marettimo.

La petroliera, partita dal porto di Sarroch dopo la mezzanotte, era diretta verso il porto di Genova ed, improvvisamente, durante la rotta seguita, alle ore 11:15 circa il Comandante lanciava una chiamata di soccorso riferendo di avere un membro dell’equipaggio con forti dolori all’addome.

Ricevuta la segnalazione venivano coordinati i soccorsi dirottando la nave verso il porto di Trapani ed allertando la motovedetta SAR CP 330, sempre presente in Capitaneria h 24 e 365 giorni l’anno, pronta ad intervenire per prelevare il marittimo.

Non appena acquisite tutte le informazioni per gestire l’emergenza in corso, veniva ordinato al Comandante della nave di contattare il medico in servizio presso il Centro Internazionale Radio Medico (CIRM), che consigliava un immediato trasbordo del paziente in difficoltà.

L’evacuazione medica avveniva nel punto di rendez-vous stabilito a circa 6 miglia a nord ovest del porto di Trapani, in una zona di mare più ridossata dal vento e dal mare, che consentiva alla motovedetta CP 330 di affiancare in sicurezza la petroliera e trasbordare il malcapitato, poi sbarcato a terra ed affidato alle cure del personale sanitario del 118 già presente in banchina.

Operazioni di questo tipo definite MEDEVAC (Medical Evacuation), hanno lo scopo di trasferire persone che si trovano in mare e sono ferite o bisognose di urgenti cure mediche e sono coordinate e gestite dalla Guardia Costiera, che per queste tipologie di interventi svolge periodiche esercitazioni con la collaborazione degli enti sanitari competenti (Centro Internazionale Radio Medico, Servizio Sanitario 118 e Sanità marittima), allo scopo di fronteggiare qualsiasi tipo di emergenza.

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *